menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Donazione organi sulla carta d’identità: in due mesi consenso dal 45% dei maggiorenni

Primi dati diffusi dall’Amministrazione comunale di Latina: “Donare è un gesto di solidarietà, ma è soprattutto una scelta consapevole che può salvare una vita”

“Donare è un gesto di solidarietà, ma è soprattutto una scelta consapevole che può salvare una vita”: questo il messaggio lanciato dall’Amministrazione di Latina nel corso di un incontro che lo scorso venerdì 21 dicembre si è tenuto in Comune. 

Da circa due mesi l’Amministrazione ha scelto di sposare il progetto “Una scelta in Comune”, il percorso partito nel 2012 in Umbria, regione pilota. “Oggi viene, infatti, offerta la possibilità ai nostri cittadini di esprimersi, al momento del rilascio o del rinnovo della carta d’identità, su una scelta così importante non solo dal punto di vista personale ma anche da un punto di vista socio-culturale. E i numeri sono confortanti”.

Ed è di questo che si è parlato durante l’incontro-dibattito che si è tenuto nella sala Enzo De Pasquale del Comune, alla presenza della vice sindaco Paola Briganti, del dirigente del Servizio Demografici e Statistici del Comune di Latina Daniela Ventriglia, di Rita Visini (Comunicazione e Relazioni Istituzionali del Centro Nazionale Trapianti), del direttore UOC Anestesia e Rianimazione del Dea II livello di Latina, Carmine Cosentino, e di Luisa Mobili, consigliere comunale e referente per Latina della rete Città Sane.

L’obiettivo di questo dibattito pubblico era quello di “sensibilizzare la città su un tema così importante come la donazione, un compito che l’Amministrazione di Latina sente in maniera particolare. Dal 15 ottobre 2018, l’Ufficio Anagrafe del Comune di Latina è divenuto un punto di raccolta e registrazione delle dichiarazioni di volontà alla donazione al momento del rinnovo o del rilascio della carta d’identità. In due mesi, il 44,56% degli utenti maggiorenni ai quali è stata rilasciata o rinnovata una carta d’identità ha dato il consenso alla donazione. Ieri, inoltre, è stata sottolineata la necessità di stimolare una riflessione sul tema attraverso l'approfondimento degli aspetti medici, a beneficio soprattutto dei cittadini più giovani”.

Il progetto “Una scelta in Comune”, dati alla mano, “ha dato un impulso al numero di cittadini consenzienti e l’impegno dell’Amministrazione è di proseguire su questa strada, con campagne di sensibilizzazione e comunicazione,  perché donare significa dare speranze a un’altra persona che altrimenti non ne avrebbe”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento