menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Appello di Avis e Regione su emergenza sangue: "Non fermate le donazioni"

I servizi trasfusionali sono essenziali per evitare il blocco delle attività chirurgiche

Un appello a donare il sangue per evitare il rischio concreto che si fermino le attività chirurgiche. A lanciarlo sono l’assessore regionale alla sanità Alessio D’Amato e il presidente dell’Avis provinciale di Latina Emanuele Bragato.

"L'emergenza Covid-19 – scrive D’Amato - sta mettendo in ginocchio i servizi trasfusionali. E’ necessario andare a donare perché c'è il rischio concreto di bloccare l'attività chirurgica. Rivolgo un appello alla donazione per consentire il prosieguo delle attività ospedaliere. Donare il sangue è sicuro, basta recarsi in uno dei nostri centri trasfusionali".

A sottolineare la necessità di sangue per garantire la continuità degli interventi soprattutto quelli non rimandabili alla luce della situazione critica nella quale si trova in questi giorni il Lazio c’è anche Bragato. “Faccio eco agli appelli già arrivati da Avis Nazionale e Centro Nazionale Sangue – sottolinea il responsabile pontino dell’Associazione donatori - che evidenziano le gravi ripercussioni dovute al calo delle donazioni essendo oltre 1800 le persone che necessitano quotidianamente di una o più sacche di sangue. Ricordo soprattutto che ci sono individui come i malati di talassemia per i quali l’unico farmaco che può garantire la sopravvivenza è la trasfusione di sangue che va ripetuta in tempi ristretti fino a due settimane. Le donazioni- spiega - possono essere fatte in sicurezza, non essendoci rischi reali legati alla provenienza del donatore se il donatore non è stato infettato o ha manifestato sintomi influenzali”.

L’invito è quello di contattare l’Avis durante la mattina per qualsiasi dubbio o per capire l’orario migliore per venire a donare in modo da gestire al meglio i flussi. La condizione da rispettare è la seguente: non avere sintomi come tosse, raffreddore, difficoltà respiratorie; non avere la febbre superiore a 37,5 gradi; non aver avuto contatti stretti con un caso dubbio o probabile di Covid-19.

La sede comunale Avis di Latina è aperta per le donazioni tutti i lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle 7.30 alle 10.30, quella di Latina Scalo le prime e terze domeniche di ogni mese oltre le uscite dell’autoemoteca calendarizzate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    La tradizione in tavola: la Carbonara

  • Cucina

    La tradizione in tavola: la pastiera napoletana

Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento