Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

La sentenza del processo a Vincenzo Zizzo, arrestato a febbraio dai carabinieri a Lenola

L’accusa non è riuscita a dimostrare che la droga – cinque chili tra cocaina e hascisc – apparteneva a lui e il Tribunale lo ha assolto. Sul banco degli imputati c’era Vincenzo Zizzo, 36enne di Lenola, chiamato a rispondere di spaccio di sostanze stupefacenti con l’aggravante dell’ingente quantità.

L’uomo venne arrestato il 26 febbraio scorso a conclusione di una serie di perquisizioni effettuate dai carabinieri con il supporto delle unità cinofile: vennero ispezionati prima la sua attività commerciale, poi l’abitazione e in un locale adiacente, ben occultati all’interno di un armadio, vennero rinvenuti 2,3 chili di cocaina e 2,8 chili di hascisc, il tutto già diviso in panetti per un valore complessivo di circa 100mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insieme allo stupefacente c’era anche tutto il necessario per il taglio e il confezionamento incluso un bilancino di precisione. Ieri Zizzo, assistito dall’avvocato Giulio Mastrobattista, è comparso davanti al giudice per l’udienza preliminare Pierpaolo Bortone per essere giudicato con il rito abbreviato. La difesa è riuscita a dimostrare che non esistevano prove che la droga appartenesse all’imputato visto che era stata rinvenuta nell’officina del padre che era accessibile a diverse persone. Così anche il pm ha chiesto l’assoluzione, richiesta accolta dal giudice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sperlonga, tromba d'aria si abbatte sul litorale: danni agli stabilimenti

  • Sermoneta, dolore per la scomparsa della 17enne Angela. I suoi organi salveranno 5 vite

  • Presi con 22 chili di cocaina nel camion della frutta: "Non sapevamo nulla"

  • Lutto nell'Arma: stroncato da un malore un luogotenente dei carabinieri del Nas di Latina

  • Coronavirus: in provincia nessun nuovo caso, 11 pazienti nel Lazio e un decesso

  • Aggressione sulla pista ciclabile, l'arrestato al giudice: "Le ragazze mi avevano rubato il telefono"

Torna su
LatinaToday è in caricamento