Trovato dai carabinieri con oltre sette etti di marijuana, 26enne arrestato a Sonnino

I militari nel corso di perquisizioni hanno rinvenuto anche 530 grammi di foglie di canapa e oltre 600 euro. Denunciato inoltre un 59enne per detenzione abusiva di armi e munizioni

Un considerevole quantitativo di droga è stato sequestrato dai carabinieri di Sonnino e Priverno nel corso di un’operazione che ha portato anche all’arresto di un giovane di 26 anni. 

L’attività nel corso della notte appena trascorsa. Durante le perquisizioni personale e domiciliare a cui è stato sottoposto il ragazzo di Sonnino, i militari hanno rinvenuto 740 grammi di marijuana insieme anche a 530 grammi di foglie di canapa indiana e a 2,5 grammi di cocaina. Trovati anche un bilancino di precisione, vario materiale per il taglio e il confezionamento dello stupefacente insieme alla somma di 620 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio. 

Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro mentre il 26enne arrestato nella fragranza di reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Terminate le formalità di rito previsto il suo trasferimento presso la casa circondariale di Latina. 

Una denuncia per detenzione abusiva di armi 

Nell’ambito dello stesso contesto operativo, i carabinieri hanno anche denunciato un uomo di 59 anni, anche lui di Sonnino, trovato in possesso nel corso di una perquisizione domiciliare di 8 cartucce da caccia calibro 16, di una pistola giocattolo “flobert”, priva del tappo rosso, e di 88 cartucce a salve da 8 mm

Anche l’arma e il munizionamento sono stati posti sotto sequestro; per il 59enne è scattata la denuncia per detenzione abusiva di armi e munizioni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

Torna su
LatinaToday è in caricamento