Trovati con la droga “Shaboo”, due arresti a Cisterna. In casa la refurtiva di numerosi furti

L'operazione dei carabinieri che hanno fatto scattare le manette ai polsi di un uomo e una donna di origini filippine in possesso della pericolosa droga. Durante la perquisizione trovati anche orologi, monili in oro e una pistola a salve

Non solo la pericolosa droga di tipo “shaboo”, in casa loro è stata trovata anche l’ingente refurtiva di numerosi furti. Un uomo  di 59 anni e la sua convivente di 30 anni, entrambi di origini filippine, sono caduti nella rete dei carabinieri che li ha arrestati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso e denunciati per ricettazione in concorso.

L’operazione dei militari che al termine della perquisizione personale e domiciliare in casa dei due ha trovato 13,5 grammi della droga “shaboo”, droga etnica, di origini filippine che produce effetti devastanti, insieme a tre bilancini di precisione, materiale per il confezionamento, due agende nelle quali è stata riportata la contabilità, nonché la somma di circa 4000 euro, probabile provento dell’illecita attività di spaccio.

Non solo, ma durante gli accertamenti sono saltati fuori anche 20 orologi di varie marche, numerosi monili in oro, un lettore per diagnostica di veicoli, che facilita i furti di auto, e una pistola a salve cal. 9×21 con relativo munizionamento.

LE INDAGINI - L’attività di indagine è iniziata qualche settimana fa con pedinamenti e appostamenti dopo che era stato notato un anomalo andirivieni di persone dall’abitazione dei due in una zona isolata di Cisterna, in località Cerciabella. Poi nella mattinata di ieri l’intervento dei militari che hanno bloccato l’uomo mentre stava rientrando a casa. Proprio l’uomo è stato trovato in possesso del denaro e di parte della droga mentre gli oggetti sono stati rinvenuti in una cassettina ben nascosta.

LA DROGA SHABOO - La Shaboo è una metanfetamina, una droga sintetica che provoca una particolare situazione di benessere ed eccitante che permette di rimanere svegli anche per 48 ore. E’ una droga inodore con una consistenza che assomiglia a sale grosso. “La nostra preoccupazione - hanno spiegato i militari durante la conferenza stampa di oggi - è che questo tipo di stupefacente venga introdotta nel mercato della nostra zona soprattutto tra i giovani. Viene assunto sia fumandola sia sciogliendola in acqua, ed ha degli effetti devastanti; può infatti creare sulla pelle del viso delle vere e proprie bolle e lacerazioni sul viso”.

La droga veniva spacciata dal 59enne prevalentemente a clienti suoi connazionali. 

droga_refurtiva_cisterna_1-2 droga_refurtiva_cisterna_2-2

 Sono ora in corso accertamenti sul materiale rinvenuto, dal momento che i due nono sono stati in grado di di giustificarne il possesso e la provenienza. “I carabinieri - si legge in una nota del comando provinciale - invitano tutti coloro che hanno subito, recentemente un furto in abitazione nel comune di Cisterna oppure in quelli confinanti, a recarsi presso il comando stazione di Cisterna, muniti della relativa denuncia presentata, al fine di provare a riconoscere gli oggetti che eventualmente sono stati sottratti nelle proprie abitazioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento