Trovati con droga e banconote false, quattro campani arrestati a Sperlonga

L'operazione dei carabinieri che al termine della perquisizione in un'abitazione di Sperlonga, momentaneamente occupata dai 4, hanno rinvenuto cocaina, hashish, marijuana e 18 banconote da 20 euro contraffate

Quattro persone, tutte residenti nelle province di Caserta e Napoli, sono state arrestate oggi a Sperlonga perché ritenuti responsabili dei reati di concorso nella detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e di spendita di monete falsificate. 

L’operazione dei carabinieri della locale stazione con la collaborazione dei colleghi dell’aliquota della Compagnia Intervento Operativo dell’8° Reggimento Carabinieri Lazio nell’ambito di uno specifico servizio di potenziamento del controllo del territorio disposto dal comando provinciale di Latina, finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati contro la persona, il patrimonio, nonché quelli in materia di stupefacenti. 

Al termine delle perquisizioni personale e domiciliare, quest’ultima eseguita presso un’abitazione di Sperlonga occupata momentaneamente dai quattro, i militari hanno rinvenuto 3,20 grammi di cocaina, 14,30 grammi di hashish, 0.70 grammi di marijuana, nonché 18 banconote da 20 euro contraffate, il tutto abilmente occultato. 

Quanto trovato è stato sottoposto a sequestro, mentre gli arrestati sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza in attesa della celebrazione del rito direttissimo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Morto dopo un inseguimento, la guardia giurata condannata a nove anni per omicidio

  • Coronavirus Latina, altri 231 contagi. Ma non c'è alcun decesso nelle ultime 24 ore

Torna su
LatinaToday è in caricamento