Parco dei Monti Ausoni: fototrappole e droni per potenziare la vigilanza

Le nuove tecnologie saranno finalizzate anche alla prevenzione degli incendi boschivi nelle tre aree protette gestite dall'ente

Il Parco Naturale Monti Ausoni e Lago di Fondi sta avviando in questi giorni l’utilizzo di fototrappole e droni allo scopo di potenziare e rendere sempre più efficace il servizio di vigilanza del territorio delle tre aree protette cui cura la gestione: il Parco Naturale Monti Ausoni e Lago di Fondi; la Riserva Naturale Antiche Città di Fregellae e Fabrateria Nova e Lago di San Giovanni Incarico; la Riserva Naturale Lago di Canterno.

Le attività di vigilanza di un territorio esteso, che interessa 20 Comuni nelle province di Frosinone e Latina, saranno migliorate grazie all’utilizzo di tali apparecchiature tecniche professionali: 20 fototrappole e 2 droni di cui uno anche dotato di termocamera. Sono già sette i dipendenti dell’ente Parco che hanno frequentato un corso di formazione teorico e pratico di pilota Drone Sapr riconosciuto dall'autorità Enac (Ente Nazionale per l'Aviazione Civile). Dopo aver superato l’esame hanno ottenuto il brevetto di 1° livello proseguendo la formazione tecnica per  raggiungere il brevetto finale di 2° livello.

L’impegno del Parco, attraverso anche l’utilizzo di tali apparecchiature di alta tecnologia, è finalizzato a migliorare il controllo del territorio; ad attivare ogni azione utile con cui contrastare e prevenire gli incendi boschivi e tutelare i beni paesaggistici; a intraprendere iniziative utili anche nell’ottica di prevenzione dei fenomeni e di repressione di condotte illecite.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A partire dal quadro delle finalità alla base dell’istituzione delle aree protette, come specificato dalla legge quadro nazionale alla normativa regionale - dichiara il presidente dell’ente Bruno Marucci – il conseguente lavoro di monitoraggio e vigilanza del territorio è compito essenziale. Ed è per rispondere al meglio a tale compito che si è deciso di dotare l’ente e il suo personale di attrezzatura tecnica specifica, quali fototrappole e droni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Ponza, il 25enne morto è il romano Gianmarco Pozzi. Indagini in corso

  • Tragedia sul litorale di Latina: un ragazzo di 15 anni muore in mare

  • Coronavirus: 36 contagi in più nel Lazio. In provincia 4 nuovi casi, uno è di rientro da Ibiza

  • Coronavirus, impennata di contagi nel Lazio: 45 in un giorno. Due sono in provincia di Latina

  • Coronavirus: nel Lazio 38 nuovi casi, molti di rientro dalle vacanze. In provincia due positivi

  • Coronavirus, impennata nel Lazio: 38 casi in 24 ore, 22 di importazione. Quattro pazienti in provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento