rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Il duplice omicidio di Cisterna / Cisterna di Latina

Le minacce di Christian Sodano a Desyrée: "Dovranno fermarmi con l'Esercito, farò una strage"

Gli inquietanti particolari emersi nelle ultime ore sulla strage di Cisterna in cui sono morte Nicoletta Zomparelli e Renée Amato. Il finanziere accusava di ragazza e minacciava di farle del male perché voleva lasciarlo

"Dovranno fermarmi con l'Esercito, farò una strage". Minacce chiarissime quelle rivolte a Desyrée Amato dal finanziere Christian Sodano, che nel pomeriggio di martedì 13 febbraio ha impugnato la sua pistola d'ordinanza e ucciso la madre della fidanzata, Nicoletta Zomparelli, e la sorella, Renée. Sarebbe questa infatti una delle frasi contenute nei messaggi inviati alla ragazza il giorno prima della strage nella villetta del quartiere San Valentino, a Cisterna. Messaggi ora pubblicati sul Corriere della Sera, che a quanto pare Desyrée aveva girato a un'amica. Da qualche tempo voleva lasciarlo, ma evidentemente i toni sempre più aggressivi del 27enne l'avevano intimorita. 

"Vedrai quanto posso essere cattivo" è la minaccia. E ancora: "Devi soffrire quanto ho sofferto io. Ti farò male, fosse l'ultima cosa che faccio". Il riferimento è al fatto che Christian Sodano aveva perso i suoi genitori qualche anno fa. Lei, incredula e sconvolta, cerca di calmarlo, lo esorta a crescere, cerca di spiegare cosa non va e come si sente. Tutto inutile. "È tutta colpa tua, ormai mi posso anche togliere la vita - continua il ragazzo - Non sono Dio per giudicare una persona, ma visto che Dio mi ha tolto quelle più care ne porterò anche io a Dio. E ne porterò molte". "Ti giuro, per tutto il male che mi stai facendo, te ne farò veramente tanto".

Gli investigatori continuano a indagare per ricostruire con esattezza il quadro entro cui è maturata la strage compiuta a Cisterna. I telefoni dell'omicida sono stati posti sotto sequestro, ma probabilmente i messaggi e le minacce erano già stati cancellati. Secondo quanto emerso nelle ultime ore e riportato nell'ordinanza del gip Giuseppe Cario che dispone il suo arresto, dopo il duplice omicidio Sodano si era messo alla guida della sua Audi A3 per raggiungere a forte velocità Latina e l’abitazione dello zio, dove poi è stato trovato dagli agenti della squadra mobile. Ma durante la sua fuga è stato fermato dai carabinieri, in quel momento ancora ignari di quanto accaduto poco prima, che lo hanno invitato a moderare la velocità. Secondo il gip, "se avesse voluto si sarebbe potuto consegnare alle forze dell'ordine in quella circostanza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le minacce di Christian Sodano a Desyrée: "Dovranno fermarmi con l'Esercito, farò una strage"

LatinaToday è in caricamento