“Arrestatemi, in galera è più caldo”, Api: “La storia di un clochard”

Il coordinatore comunale del partito interviene nella drammatica storia di un senzatetto e ne approfitta per riaprire la polemica sulla mancata apertura del dormitorio definitivo di Latina

La morsa di gelo sta attanagliando anche la provincia pontina, e nonostante la tanto attesa neve non sia arrivata nel capoluogo, la colonnina di mercurio registra temperature gelide.

E torna così di nuovo d’attualità la questione dei senzatetto e del dormitorio di Latina. A prendere la parola, questa volta, è Sabrina Marangon, coordinatore comunale dell’Api – Alleanza per l’Italia – che è intervenuta nella drammatica storia di un senzatetto che dopo essere entrato nel comando della caserma dei carabinieri di Latina ha chiesto con insistenza di essere arrestato perché, a detta dell’uomo, "Nel carcere farà sicuramente più caldo".

“Ecco, a questo siamo arrivati in questa città: ad avere un dormitorio pubblico necessario soprattutto nei giorni di emergenza freddo, e non renderlo disponibile, lasciandoci assistere a una scena di così grave disperazione. Se non ora, quando si provvederà ad accogliere i bisognosi di un letto caldo anche in questa città, come succede in tutto il resto d’Italia? A detta dei volontari che hanno collaborato alla sua costruzione, al dormitorio di Latina i lavori sarebbero stati ultimati, e allora non si capisce il motivo per cui il Comune non chiarisce i motivi della mancata apertura del nuovo e definitivo centro di accoglienza” ha dichiarato Sabrina Marangon.

“Effettivamente la nuova struttura esiste ed è pronta ad ospitare 25/30 persone, ma il Comune nonostante le numerose richieste non ci fa sapere nulla”. La Marangon insiste così sul fatto che da anni non si fa a Latina una sorta di censimento di coloro che non hanno un’abitazione, “quindi non si sa nemmeno quante sono le persone che necessitano di accoglienza ed è per questo motivo che si rende assolutamente necessario procedere celermente a fare una verifica del numero, almeno orientativo, di quanti siano i senzatetto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prosegue la coordinatrice di ApI: “da oggi è comunque attivo il n. 0773.6581 per segnalare situazioni di emergenza oppure il numero verde attivo ininterrottamente 800 58 52 00”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la prima mascherina senza elastici: l’idea di un giovane di Priverno

  • Aperte anche le spiagge libere, ecco le regole: bagno fino alle 19 e distanze di sicurezza

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Tragedia nelle acque del Circeo: sub accusa un malore in acqua e muore

  • Coronavirus Latina: due nuovi casi positivi in provincia. Muore una donna al Goretti

  • Coronavirus: nel Lazio 21 nuovi casi, in provincia 544 contagi totali

Torna su
LatinaToday è in caricamento