menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La sede della Procura di Lamezia (fonte procuralameziaterme.it)

La sede della Procura di Lamezia (fonte procuralameziaterme.it)

Esplosione fabbrica a Lamezia, ora gli indagati salgono a quattro

Proseguono le indagini per ricostruire quanto accaduto lo scorso 12 settembre nell'incidente sul lavoro. Indagati anche i due responsabili della società che aveva in appalto i lavori di manutenzione

Salgono a quattro le persone indagate nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Lamezia Terme per l’incidente sul lavoro avvenuto in una fabbrica a San Pietro Lamentino lo scorso 12 settembre.

L’improvvisa esplosione di un silo nel sito della ditta Ilsap Biopro, con sede legale a Latina, come ricorderete, provocò la morte di tre operai, i due pontini di 32 anni Alessandro Fanella di Giulianello e Daniele Gasbarrone di Sonnino, e del 37enne Enrico Amati della provincia di Siena.

Inizialmente la Procura di Lamezia ha sottoposto ad indagine l'amministratore unico e responsabile della sicurezza della società Maurizio Martena e Salvatore Martena, socio-lavoratore della Ilsap. Il sostituto procuratore, Luigi Maffia, ha ora deciso di indagare anche i due responsabili della società che aveva in appalto i lavori di manutenzione.

L'iscrizione nel registro degli indagati, viene definita un atto dovuto dalla magistratura che sta cercando di individuare eventuali responsabilità su quanto accaduto. I carabinieri, che stanno svolgendo le indagini, stanno valutando tutte le ipotesi e, al momento, non viene trascurato nessun particolare per ricostruire le cause dell'incidente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento