menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Eternit a Sabaudia, interrogazione della Gervasi: “Intervenire subito”

Il consigliere di Cittadini al Lavoro interviene sul delicato problema: "Occorre bonificare le aree del territorio dove l'eternit è ancora presente". Chiesta un'ordinanza sindacale e l'istituzione di un numero verde

Intervenire e farlo al più presto. Questo il monito del consigliere comunale della lista civica Cittadini al Lavoro Giada Gervasi all’amministrazione comunale di Sabaudia.

Al centro dell’interrogazione presentata dal consigliere la delicata tematica della presenza di eternit sul territorio comunale. “E’ ormai nota a tutti la pericolosità dell’eternit per la salute dell’uomo – commenta Gervasi – tanto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel 1986, ha sancito che l’esposizione a qualunque tipo di fibra, a qualunque grado di concentrazione in aria, va evitata in quanto causa di malattie tumorali. Ma è pur vero che nel territorio comunale persistono alcune strutture, non solo nelle campagne, con le coperture in cemento-amianto, che se non ancora in rovina, potrebbero deteriorasi e rilasciare nell’aria le fibre tossiche”.

Per il consigliere appare chiara dunque l’urgenza di bonificare le aree del territorio dove l’eternit è ancora presente, adottando tutte le procedure idonee al corretto smaltimento o, laddove non necessario, alla messa in sicurezza delle strutture e intervenendo anche in danno ai proprietari se questi non ottemperano, attraverso le speciali procedure previste dalla normativa vigente (Legge 257/92). Ragion per cui, il Gervasi, “chiede se sia stata fatta negli anni attività ispettiva – e se si di conoscerne i risultati – e una mappatura degli edifici ed impianti, anche pubblici, dalla quale si evinca la presenza di cemento-amianto. 

"Data l’importanza della questione per la salute pubblica – spiega il consigliere di Cittadini al Lavoro – ritengo sia opportuno contribuire in percentuale con il bilancio comunale alla bonifica delle aree, attraverso la stipula di apposita convenzione con società specializzate, aiutando così quei cittadini che autonomamente comunicheranno il possesso di tali materiali e l’intenzione di eliminarli immediatamente. A tal proposito credo sia necessario emanare un’ordinanza sindacale, in attesa che il Consiglio comunale possa approvare un regolamento che punisca i trasgressori, costringendoli al pagamento di multe nonché allo smaltimento dei materiali senza contributo comunale".

Infine Giada Gervasi chiede anche di valutare la possibilità di istituire un numero verde presso la sede dei vigili urbani, al quale i cittadini potranno denunciare, in forma anonima, la presenza di eternit o di discariche abusive dove esso viene occultato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento