Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Cisterna di Latina

Evade dai domiciliari: “Non voglio più stare con i miei genitori. Meglio il carcere”

Ai domiciliari per spaccio è stato sorpreso dalla polizia sull'Appia. Durante il processo per direttissima si è giustificato dicendo di preferire il carcere perché non riesce più a vivere con i genitori

“Non voglio più stare con i miei genitori. Meglio il carcere”. Con queste parole avrebbe giustificato la sua evasione dai domiciliari che ieri sera ha causato il suo nuovo arresto.

Protagonista della vicenda un uomo di 36 anni di Cisterna che, ai domiciliari per spaccio di stupefacenti, ieri sera è finito in manette proprio per evasione.

Intorno alle 20.30 di ieri, infatti, è stato sorpreso dalla polizia mentre camminava lungo via Appia Nord, nonostante dovesse trovarsi in casa.

Dopo l’arresto stamattina è comparso davanti al tribunale di Latina nel giudizio per direttissima durante il quale ha spiegato di aver agito in quel modo perché non desiderava più continuare a scontare la detenzione in casa dei genitori, “per sopraggiunti problemi di convivenza” dicendosi “pronto a tornare in carcere”.

Il giudice monocratico, dopo aver convalidato l’arresto, lo ha rispedito ai domiciliari in attesa di ulteriori accertamenti circa la sua richiesta di non fruire più della detenzione a casa dei genitori e di essere invece associato alla casa circondariale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evade dai domiciliari: “Non voglio più stare con i miei genitori. Meglio il carcere”

LatinaToday è in caricamento