rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Cisterna di Latina

False assicurazioni, sventato un maxi giro a Cisterna: 17 indagati

Brillante operazione della polizia locale che ha sgominato un'articolata banda; la mente è un 68enne di Nettuno, mentre gli indagati risiedono in diverse città della provincia pontina e d'Italia

Sgominata una banda di falsari specializzati nei documenti assicurativi di autoveicoli. La brillante operazione è della polizia locale di Cisterna che ha presentato i risultati dell’indagine stamattina durante una conferenza stampa.

Sono 17 le persone indagate nel procedimento, residenti in tutta Italia. A capo dell’organizzazione figura un 68enne di Nettuno, S. B. le sue iniziali, già con precedenti reati specifici, ritenuto dagli agenti municipali l’autore materiale dei documenti contraffatti.

Durante la perquisizione, autorizzata dal sostituto procuratore della Repubblica Valerio De Luca, gli uomini coordinati dal capitano Onorio Mazzoli hanno rinvenuto nell’abitazione del 68enne tagliandi e documenti assicurativi in bianco recanti tutti lo stesso numero di polizza, certificati attestanti visite di revisione mai avvenute e carta originale per certificati di proprietà trafugata presso una tipografia autorizzata dall’Aci. “Documenti perfetti - hanno affermato il Capitano Mazzoli ed il Tenente Raoul De Michelis -, quasi impossibili da individuare anche per occhi esperti

Nell'ambito dell’indagine, è emerso inoltre anche il nome di un notaio di Roma, Gianni D’Angelo, persona mai esistita in realtà il cui nominativo fittizio, con relativo sigillo notarile, veniva utilizzato per la produzione di falsi atti di vendita di veicoli.

Gli elementi raccolti hanno portato così a scoprire numerosi casi di utilizzo di questi documenti contraffatti. I soggetti che si rifornivano dal falsario per poi rivendere al pubblico il materiale contraffatto, risiedono principalmente nella zona del Lazio sud, mentre alcuni anche nelle province di Siracusa, Messina, Barletta, Ancona, Foligno, Teramo, Bergamo, mentre tra i clienti del falsario e della sua rete di distributori, ci sono anche persone ignare del fatto che la documentazione non fosse genuina.

“La repressione di questo tipo di reato - ha detto a questo proposito Mazzoli - potrebbe ridurre il fenomeno della pirateria stradale in quanto il responsabile di un incidente in possesso di un’assicurazione falsa, difficilmente presterà soccorso alla vittima. Invitiamo pertanto la cittadinanza a rivolgersi per la copertura assicurativa dei veicoli alle compagnie autorizzate ed in caso di dubbio, a rivolgersi alle forze di polizia o a consultare il sito www.ivass.it per verificare se la compagnia scelta è in regola per operare in Italia. La segnalazione dei casi accertati all’IVASS ha permesso la redazione e la divulgazione di due alert, relativi alle assicurazioni GENERHEL e DIRECTO LINE - continua il Comandante della Polizia locale di Cisterna - che poi sono i marchi spacciati dall'abile falsario di Nettuno”.

“Mi complimento – ha detto il sindaco Merolla – con gli agenti della polizia locale che ancora una volta hanno dato prova della loro professionalità ed abilità investigativa. Da alcuni anni il nostro comando è all’avanguardia sul fenomeno del falso documentale con la costituzione di uno dei pochi uffici nel centrosud Italia ed in costante contatto con quelli delle più grandi città d’Italia. Il loro operato non costituisce soltanto una corretta applicazione della legge contro il reato ma vuole anche essere un servizio al cittadino che, in caso di dubbio sulla correttezza o legalità della polizza che sta per stipulare, può chiedere un parere”.

L’indagine è tuttora in corso e non si escludono ulteriori sviluppi sul numero delle persone coinvolte e tipologia di reato, non escluso la ricettazione di auto rubate per essere rivendute all’estero.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

False assicurazioni, sventato un maxi giro a Cisterna: 17 indagati

LatinaToday è in caricamento