Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca Ponza

Weekend di Ferragosto: una decina di incidenti in mare. Inchiesta sullo yacht semiaffondato a Ponza

Il bilancio degli interventi della Guardia Costiera nell’arcipelago delle isole pontine. La vigilia di Ferragosto lo yacht “Main Time” è entrato in collissione con una motocisterna: indagini in corso per chiarire quanto accaduto

Si è concluso il tanto atteso fine settimana di Ferragosto in considerazione del quale, previsto anche il picco delle presenze di turisti e diportisti sulle isole pontine, la Guardia Costiera ha previsto tra Ponza e Ventotene un intensificazione dell’assetto operativo per garantire la massima capacità di intervento in mare e nei porti

Nel complesso, su tutto l’arcipelago pontino, hanno operato circa 30 militari, nonché 5 mezzi nautici, tra cui le unità navali specializzate nel SAR marittimo (ricerca e soccorso). Numerose sono state le segnalazioni pervenute alla sala operativa della Guardia costiera di Ponza, tra cui una decina relative a sinistri marittimi in cui sono state coinvolte unità da diporto per urti subiti su secche e scogli affioranti, tutti conclusi senza gravi conseguenze per le persone presenti a bordo.

Tanti anche gli interventi eseguiti congiuntamente al personale del 118 di Ponza per prestare assistenza a persone colte da malore a bordo delle tante unità navali giunte sulle isole.

guardia_costiera_soccorsi_ferragosto_isole-2

Yacht semi affondato a Ponza: avviata inchiesta

L’intervenne to più importante del fine settimana di Ferragosto ha riguardato in particolare il soccorso prestato dalla M/V CP 857 di Ponza a 6 persone di nazionalità francese presenti a bordo dello yacht “Main Time” di 24 metri (bandiera inglese) che alle 4 del mattino di sabato 14 agosto, mentre si trovava a circa 4 miglia ad est dal porto di Ponza, ha subito una collisione con la motocisterna “Cesare”; a causa dei danni subiti l’unità da diporto è parzialmente affondata ed attualmente si trova in sicurezza nelle acque di Cala Inferno. “L’Autorità marittima ha diffidato l’Armatore all’immediata rimozione del relitto anche ai fini della tutela ambientale; nel frattempo - spiegano dalla guardia Costiera - continuano le verifiche giornaliere per accertare la stabilità del relitto e scongiurare ogni forma di inquinamento del delicato ambiente marino e costiero dell’Isola di Ponza”. Il comandante della Guardia Costiera di Ponza, il tenente di vascello Diego Baglivo, insieme al proprio personale militare ha avviato un’inchiesta per comprendere la cause dell’incidente e delineare gli eventuali profili di responsabilità. 

Verifiche sono state svolte nel weekend anche presso l’area marina protetta delle Isole di Ventotene e S. Stefano, nel cui ambito le attività marittime si sono svolte, nell’insieme, regolarmente. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Weekend di Ferragosto: una decina di incidenti in mare. Inchiesta sullo yacht semiaffondato a Ponza

LatinaToday è in caricamento