Latina celebra la Festa della Repubblica e il 70esimo anniversario del voto alle donne

Il 2 giugno del capoluogo pontino scandito da una serie di iniziative per la Festa della Repubblica. Un riconoscimento è stato consegnato dal Prefetto alle donne pontine che nel 1946 votarono per la prima volta

Grande partecipazione questa mattina alle celebrazioni che si sono svolte in piazza della Libertà per il 70esimo anniversario della Fondazione della Repubblica e del riconoscimento del diritto di voto alle donne, che nel 1946 sono state chiamate per la prima volta in Italia a partecipare alle amministrative, al Referendum Istituzionale ed all’elezione della Assemblea Costituente. 

In tanti si sono riuniti per prendere parte ai diversi momenti che hanno scandito la mattinata delle celebrazioni - promosse dalla Prefettura con la partecipazione e la collaborazione delle istituzioni militari,  degli enti locali, della scuola, di Unindustria e delle Associazioni di categoria - che sono state aperte dalla Banda Città di Latina e dalla cerimonia dell’alzabandiera durante la quale il Coro dell’Istituto Comprensivo “A. Volta”, ha intonato l’Inno di Mameli. 

Dopo la lettura del messaggio del presidente della Repubblica Mattarella, l’atteso momento della consegna da parte del prefetto Pierluigi Faloni delle Medaglie d’Onore ai familiari di 4 cittadini pontini deportati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra nell’ultimo conflitto mondiale.

Subito dopo, in ricordo dei 70 anni dal primo voto alle donne, in un clima di sentita partecipazione, l’emozionante momento della consegna degli attestati a 7 elettrici residenti nella provincia che nel 1946 hanno votato per la prima volta. La Direttrice del Giornale di Latina, Marina Testa ha ricordato le impressioni e le emozioni provate in quello storico momento, attraverso la lettura delle loro testimonianze, raccolte dal Capo Servizio Cronaca di Latina Oggi Graziella Di Mambro.

70 ANNI DI VOTO ALLE DONNE: LE ELETTRICI PONTINE DEL 1946

A conclusione della mattinata i vigili del fuoco del comando provinciale di Latina hanno dispiegato il tricolore dalla facciata del Palazzo del Governo, accompagnati dalla Banda del COMACA ha suonato l’Inno d’Italia.

>> TRICOLORE SULLA FACCAIATA DELLA PREFETTURA: IL VIDEO <<

Subito dopo la conclusione della Cerimonia istituzionale, l’inaugurazione nei giardini della Prefettura della mostra documentaria, curata dall’Archivio di Stato di Latina, “70 anni dal primo voto alle donne. L’inizio di un percorso di partecipazione”, che nei prossimi giorni potrà essere visitata presso l’Archivio di Stato di Latina, mentre nel pomeriggio, alle 18.00, la Banda del Comando dell’Artiglieria Controaerei si esibirà in Piazza della Libertà in un concerto che avrà termine con la Cerimonia dell’Ammainabandiera, alle 18.30.

IL DISCORSO DEL PREFETTO DI LATINA FALONI

"Autorità tutte, cittadini, ragazze e ragazzi, consentitemi di ringraziarvi perché con la vostra presenza oggi a questa importante manifestazione date lustro e certezza al rispetto che noi tutti abbiamo per il nostro Paese, uno Stato che fonda le sue radici sulla libertà e la democrazia e che si riconosce nei valori e nei principi della nostra Costituzione a garanzia della legalità e del rispetto delle Istituzioni.
Un giorno oggi importante, perché nel festeggiare i  70 anni della nostra Repubblica ricordiamo che in quel 2 giugno del 1946 i seggi elettorali si aprirono universalmente in tutta Italia, garantendo e riconoscendo alle donne il diritto di poter votare. 
Per questa ricorrenza in Prefettura abbiamo deciso di organizzare una Festa della Repubblica in “Rosa”. 
Una idea che abbiamo voluto condividere e poi realizzare con moltissimi di voi. La vostra partecipazione ha visto la fattiva e creativa collaborazione sia delle Istituzioni Pubbliche come l’Archivio di Stato, il Comune, la Provincia, le Forze Armate, le Forze di Polizia, i Vigili del Fuoco, la Polizia locale, la Scuola, la Sanità, la Croce Rossa Italiana ma anche di tutte le Associazioni di Categoria e Datoriali, dell’Impresa, del Commercio,dell’Artigianato, dell’Agricoltura, ed, inoltre, del mondo della Comunicazione e dell’ Informazione, delle Assicurazioni, nonché del Volontariato e dei privati Cittadini.
Una sinergia determinante,  che ha riunito 40 partners, che operano tutti in questa Provincia Pontina, in un disegno comune, in un gioco di squadra,  per dare a questa collettività l’opportunità di caratterizzare questo giorno di festa come la realizzazione di un progetto  condiviso e partecipato, nel rispetto delle reciproche professionalità e competenze. 
Il ricordo di coloro che hanno lottato per garantire le nostre libertà e la testimonianza delle nostre Donne sulla conquista di un diritto per troppo tempo negato, sono sicuro, che  saranno certamente momenti indimenticabili che rafforzeranno in noi  l’orgoglio di essere italiani.
Nel ringraziarvi  ancora per la vostra preziosa collaborazione vi auguro buona Festa della Repubblica
".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus, altri 209 contagi e tre morti in provincia. Boom di casi a Terracina

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Morto dopo un inseguimento, la guardia giurata condannata a nove anni per omicidio

  • Coronavirus Latina: 149 i nuovi casi in provincia, ma i guariti sono 190. Altri 4 decessi

  • Coronavirus Latina, altri 231 contagi. Ma non c'è alcun decesso nelle ultime 24 ore

Torna su
LatinaToday è in caricamento