Fiaccolata contro le mafie, Ugl Polizia: “Indignazione popolare non basta”

Il segretario Vulcano presente all'evento: "Non si può combattere quest'invasione criminale con la sola indignazione popolare; lo Stato deve garantire la sicurezza con più uomini sul territorio"

La fiaccolata contro le mafie a Latina

È stata una mobilitazione di grande successo quella dello scorso 5 settembre. La fiaccolata contro la criminalità organizzata dalle sigle sindacali riunite ha visto scendere in piazza centinaia di persone a sostegno della legalità e per dire di no alle mafie. Ma tutto questo non è sufficiente.

“Non si può combattere questa invasione criminale con la sola indignazione popolare, è lo Stato che deve garantire la sicurezza con più uomini sul territorio” ha dichiarato il segretario provinciale di Ugl Polizia anche lui presente alla manifestazione.

“Questa giovane città fondata da onesti e caparbi lavoratori che non si sono mai arresi alle avversità della natura e agli stenti patiti per la bonifica di questi territori, sacrifici fatti con il sangue per lasciare un futuro ai propri figli. Oggi osservare questo subdolo esproprio malavitoso dell’aziende e di aree del territorio, fatti che indignano i cittadini e le forze dell’ordine che si trovano a combattere una battaglia impari” ha continuato il sindacalista.

Si può e si deve fare di più quindi. ““Ho denunciato tempo fa le carenze organiche e strutturali che vive la polizia di Stato sul territorio della provincia di Latina - ha aggiunto Vulcano a margine della fiaccolata -; oggi purtroppo i fatti ci danno ragione, i gravi episodio di violenza avvenuti a Nettuno e Terracina confermano l’infiltrazione criminale nel territorio” ed aggiunge il Segretario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“È necessario intervenire immediatamente e con forza per evitare il diffondersi di questo cancro sociale – chiosa -. Una maggiore presenza istituzionale come l’apertura h 24 degli Uffici Denunce, il ripristino di un ufficio di Polizia Ferroviaria presso la stazione di Latina e l’aumento di autopattuglie sul territorio (ovviamente con giovani leve) semplici soluzioni, che sembrano banali ma l’unico vero rimedio è essere presenti sul territorio.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Ponza, il 25enne morto è il romano Gianmarco Pozzi. Indagini in corso

  • Tragedia sul litorale di Latina: un ragazzo di 15 anni muore in mare

  • Coronavirus: 36 contagi in più nel Lazio. In provincia 4 nuovi casi, uno è di rientro da Ibiza

  • Coronavirus: nel Lazio 38 nuovi casi, molti di rientro dalle vacanze. In provincia due positivi

  • Coronavirus, impennata di contagi nel Lazio: 45 in un giorno. Due sono in provincia di Latina

  • Coronavirus, impennata nel Lazio: 38 casi in 24 ore, 22 di importazione. Quattro pazienti in provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento