Cronaca Cisterna di Latina / Via Martiri delle Fosse Ardeatine

Sprangate al finanziere che ha indagato su di lui: due arresti

Operazione lampo del commissariato di Cisterna: in manette, con l'accusa di tentato omicidio, aggressore e presunto mandante mentre tentavano di fuggire imbarcandosi per l'Albania

E’ stato al centro di un’indagine fiscale il presunto mandante del gravissimo pestaggio avvenuto ieri mattina a Cisterna. Vittima un finanziere, sottoufficiale della locale brigata, colpevole, secondo quanto ipotizzato, di aver avviato accertamenti sulla posizione di uno degli arrestati, Arbis Vjerdha, 38 anni, residente a Brescia, che avrebbe trascorso un periodo a Cisterna. In manette, con l’accusa di tentato omicidio in concorso anche Elson Ivangaj, 25 anni, ritenuto l’esecutore materiale dell’aggressione.

I fatti: ieri mattina, dopo essere uscito di casa per recarsi a lavoro, il militare, vestito in abiti civili, è stato aggredito alle spalle mentre percorreva via Martiri delle Fosse Ardeatine. Una serie di colpi con una spranga di ferro mirati alla testa, al torace e alla spalla. Grazie alla prontezza di riflessi, il primo colpo mirato al capo è riuscito ad evitarlo con il braccio mentre gli altri gli hanno provocato diverse ferite. 

Ne è scaturita una colluttazione tra i due, durante la quale il militare è riuscito a disarmare lo straniero che si è dato alla fuga. Secondo la ricostruzione, l’autore del pestaggio sarebbe il 25enne, mentre Vjerdha lo avrebbe atteso in auto.

Mentre provava a inseguirlo a piedi, il finanziere è stato aiutato da un poliziotto di Cisterna, in servizio presso il Dipartimento di Pubblica Sicurezza di Roma: l’agente ha notato la scena mentre si dirigeva alla stazione dei treni e non ci ha pensato due volte a fermare l’auto e a far salire il militare.

I due hanno provato, invano, a inseguire il Mercedes ML di colore scuro a bordo della quale, nel frattempo, era salito l’aggressore ma sono riusciti ad annotare il numero di targa. Immediato il riscontro degli agenti del locale commissariato, coordinati dal vicequestore Walter Dian, che, attraverso la banca dati, sono riusciti a risalire all’intestatario del mezzo: Arbis Vjerdha. Un nome non nuovo agli archivi, in quanto indagato per alcuni reati finanziari dalla brigata di Cisterna.

Intanto il sottoufficiale è stato medicato al pronto soccorso del Goretti per contusioni al braccio, alla spalla, al torace, alla schiena ed escoriazioni al volto, per venti giorni di prognosi. Agli agenti ha fornito la descrizione del suo aggressore.

Immediatamente la polizia ha esteso in ambito nazionale le ricerche, nell’ipotesi che i due potessero scappare e scegliere la fuga via mare. Ad essere allertate in particolare le sezioni di polizia di frontiera dei porti da dove partono i traghetti per l’Albania.

Alle 22, infatti, da Bari è giunta la segnalazione di due persone a bordo dell’auto segnalata che, con evidente fretta, avevano fatto i biglietti per poi imbarcarsi. Le loro foto sono state mostrate alla vittima e al testimone oculare dei fatti che hanno riconosciuto senza esitazione Elson Ivangaj. Intanto il personale del commissariato di Cisterna ha raggiunto il capoluogo pugliese: il 38enne indossava ancora gli abiti della mattina, particolare ripreso dalle telecamere di alcune attività e ai poliziotti ha confermato di aver trascorso la mattinata a Cisterna insieme al 25enne per andare a trovare un loro conoscente.

Rilevante l’esito degli accertamenti sul più giovane, che risulta sconosciuto alle banche dati, e che aveva fatto ingresso in Italia solo due giorni prima: per gli inquirenti potrebbe essere stato chiamato dal complice proprio per la spedizione punitiva. Per i due è scattato un provvedimento di fermo per tentato omicidio in concorso. “Sarà la Procura di Latina – ha spiegato il questore Alberto Intini – a fare chiarezza sul movente di questo gravissimo episodio, sul quale gli agenti sono riusciti a chiudere il cerchio nell’arco di poche ore”.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sprangate al finanziere che ha indagato su di lui: due arresti

LatinaToday è in caricamento