Denuncia un furto, ma è tutto falso. Scoperta truffa per il maxi risarcimento dell’auto

Nei guai a Latina un uomo di 50 anni scoperto e denunciato dai carabinieri per truffa, simulazione di reato e ricettazione. Puntava ai 30mila euro del rimborso assicurativo

Ha denunciato il furto di parti di auto, ma alla fine è stato scoperto dai carabinieri che era tutto falso, architettato per puntare al maxi risarcimento dell’assicurazione. Nei guai a Latina è finito un uomo di 50 anni, deferito in stato di libertà. 

Le indagini sono state condotte dai militari della Stazione di Borgo Sabotino che hanno raccolto la denuncia presentata dall’uomo. Una serie di elementi poco chiari e di punti oscuri nel racconto reso dall’uomo hanno spinto i carabinieri ad approfondire il caso, con specifici accertamenti che hanno permesso poi di far venire tutto alla luce. 

Il 50enne, infatti, aveva denunciato il furto di parti della sua auto con lo scopo, spiegano i carabinieri, di percepirte il rimborso assicurativo per un importo superiore ai 30mila euro. 

Smascherato, non solo non riceverà il risarcimento, ma per lui è scattata la denuncia per i reati di truffa, simulazione di reato e ricettazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Vaccini agli over 80: avviso ai medici di medicina generale. Si parte il primo febbraio

  • Coronavirus Latina, cresciuti i casi di tipo familiare. Al Goretti situazione di “continuativa emergenza”

  • Coronavirus, Latina e il Lazio in zona arancione: quali i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus Latina: sono 119 i nuovi casi positivi in provincia. Un altro decesso

Torna su
LatinaToday è in caricamento