Operazione "Compressa Express", D'Amato: "Regione e Asl si costituiranno parte civile"

Il commento dell'assessore alla Sanità regionale: "Grazie ai Nas e ai magistrati per l'operazione su traffico di farmaci"

Farmaci oppioidi contenenti il principio attivo dell'ossicodone venduti dietro la presentazione di false ricette mediche. L'operazione "Compressa Express" condotta a Fondi dai carabinieri del Nas di Latina ha consentito di sgominare un gruppo che gestiva il traffico di farmaci ad azione stupefacenti rivendendoli poi su un mercato parallelo e mettendo in atto una truffa contro la Asl, per i rimborsi sulle ricette mediche, e il Sistema sanitario.

Sul caso interviene anche l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato: “Voglio ringraziare i carabinieri dei Nas, la Procura e i magistrati che hanno brillantemente eseguito le indagini condotte dal dottor Carlo Lasperanza - commenta - che hanno permesso di smascherare una truffa ai danni del Sistema sanitario regionale. La Regione Lazio e la Asl di Latina si costituiranno parte civile nel momento in cui ci sarà il rinvio a giudizio. Speculare sul Servizio sanitario è un crimine odioso e dovranno risarcire fino all’ultimo centesimo indebitamente sottratto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al lido di Latina: carabiniere si toglie la vita con un colpo di pistola

  • Il paziente piange, l'infermiera del reparto covid si ferma e lo rassicura. Lo scatto diventa virale

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus Latina, altra impennata: 382 nuovi casi in provincia. Un decesso

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Coronavirus Latina: in provincia sono 147 i nuovi casi. Altri tre decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento