Fondi: in casa i carabinieri trovano reperti archeologici di età romana, denunciato

Il 62enne accusato di ricettazione ed indebito impossessamento di beni archeologici. Sequetrati i reperti che provengono da una antica domus

Un uomo a Fondi è stato denunciato dai carabinieri per ricettazione ed indebito impossessamento di beni archeologici. Si tratta di un 62enne del posto. 

Nel corso di una perquisizione domiciliare nella sua abitazione i carabinieri lo hanno trovato nell’ingiustificato possesso di numerosi reperti archeologici di tarda età romana, ancora in corso di inventario. Tra le altre cose sono stati rinvenuti: sei anfore, una porzione di capitello, una sezione di mosaico, vari marmi e lapidi e numerosi frammenti di vasellame.

I reperti, che secondo i primi accertamenti provengono verosimilmente da un’antica domus del luogo, sono stati sequestrati e affidati alla soprintendenza per i beni archeologici del Lazio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il paziente piange, l'infermiera del reparto covid si ferma e lo rassicura. Lo scatto diventa virale

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Vaccini agli over 80: avviso ai medici di medicina generale. Si parte il primo febbraio

  • Coronavirus Latina, cresciuti i casi di tipo familiare. Al Goretti situazione di “continuativa emergenza”

  • Coronavirus, Latina e il Lazio in zona arancione: quali i divieti e cosa si può fare

Torna su
LatinaToday è in caricamento