Formia, pretende una visita immediata al pronto soccorso: sfonda la porta con un estintore

L'intervento dei carabinieri si è concluso con l'arresto di un 28enne per danneggiamento e interruzione di pubblico servizio

L'ospedale Dono Svizzero

Danneggiamento aggravato, interruzione di pubblico servizio e mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice. A Formia  si è registrata l'ennesima aggressione in ospedale e un 28enne, già sottoposto alla misura cautelare del divieto di dimora nel comune, è finito agli arresti. 

Il giovane si è recato nella serata di ieri, 29 ottobre, al pronto soccorso dell'ospedale Dono Svizzero e ha preteso di essere immediatamente visitato, senza nessun giustificato motivo, senza rispettare la prassi amministrativa dell'obbligo di registrazione. Al rifiuto da parte del personale sanitario ha afferrat un estintore presente nella sala d'attesa del nosocomio e lo ha lanciato contro la vetrata della porta d'ingresso del pronto soccorso. 

La violenta aggressione ha determinato l'interruzione prolungata del servizio e ha richiesto l'intervento dei carabinieri. I militari, raggiunto l'ospedale, hanno bloccato il 28enne e lo hanno condotto negli uffici della stazione e poi rinchiuso nelle camere di sicurezza della caserma di Scauri come disposto dall'autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vaccini agli over 80: avviso ai medici di medicina generale. Si parte il primo febbraio

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Coronavirus, Latina e il Lazio in zona arancione: quali i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus Latina, cresciuti i casi di tipo familiare. Al Goretti situazione di “continuativa emergenza”

  • Arma dei Carabinieri, 28 Marescialli della provincia promossi al grado di Luogotenente

Torna su
LatinaToday è in caricamento