Incendio sul Monte Redentore a Formia, l'allarme del Parco: "Più mezzi per la prevenzione"

Non sono bastati i controlli messi in campo dai carabinieri forestali. Gravissime le conseguenze: 200 ettari bruciati, 15 persone soccorse. Ora una mappatura dell'area colpita

Ieri pomeriggio, 24 agosto, un vasto incendio che ha distrutto 200 ettari di vegetazione sul Monte Redentore, a Formia, mettendo in pericolo la vita di 15 escursionisti che percorrevano i sentieri di montagna e che sono stati improvvisamente accerchiati dal fuoco. Ora, l'allarme del presidente e del direttore del Parco dei Monti Aurunci, Marco Delle Cese e Giorgio De Marchis, che annunciano la richiesta ufficiale di un incremento di uomini e mezzi per fare fronte all'attività anticendio. 

"Quanto avvenuto in queste ore su monte Redentore a Formia ci lascia basiti - dichiarano i vertici del Parco - rispetto a un fenomeno come gli incendi boschivi che, nonostante l'impegno e controlli, non si riesce a debellare in una zona di alto pregio paesaggistico e naturalistico. Il servizio di vigilanza dell'Ente è stato presente e attivo nelle operazioni di spegnimento attraverso il modulo antincendio in dotazione al Parco dei Monti Aurunci. È stata messa in campo un'azione sinergica con i carabinieri forestali, ma purtroppo questi atti delinquenziali sono riaffiorati. Tutto ciò, però, non ci impedisce di continuare a tenere altamente salda la barra della prevenzione e dei controlli per affidare alla giustizia i responsabili di questo scempio". 

"Ora la questione verrà sottoposta alla Regione Lazio - continuano dal Parco - alla quale chiederemo un incremento di uomini e mezzi da destinare all'attività antincendio. Contestualmente avvieremo una mappatura dell'area colpita dall'incendio per la bonifica e il ripristino ambientale. Ringraziamo i vigili del fuoco i carabinieri forestali e la protezione civile intervenuta con mezzi aerei (canadair ed elicotteri), per domare il vasto rogo e mettere in salvo gli escursionisti che si trovavano su monte Redentore".

Il vasto rogo, divampato nel primo pomeriggio di ieri, è stato domato solo intorno alle 20 dopo lunghe ore d lavoro da parte delle squadre territoriali, dei canadair della flotta aerea dei vigili del fuoco e degli elicotteri della Regione Lazio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due nuovi positivi al Covid, chiusi tre locali di Latina: il bar 111, L'Ombelico e la pizzeria Scacco Matto

  • Coronavirus, nelle ultime 24 ore 17 contagi nel Lazio e tre in provincia. I dati di tutte le Asl

  • Coronavirus: 15 nuovi casi nel Lazio, 2 in provincia di Latina. I dati delle Asl

  • Coronavirus Sabaudia, due bagnini positivi: chiusi due stabilimenti, una palestra e un bar

  • Coronavirus Sabaudia: bagnino positivo al tampone, chiuso stabilimento balneare

  • Coronavirus: 18 nuovi casi nel Lazio, 3 sono in provincia. Chiuso un chiosco a Sabaudia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento