Formia, paura per un incendio sul treno: agente della Polfer spegne il rogo ma resta intossicato

Il convoglio è stato evacuato e i circa 500 passeggeri sono stati messi in sicurezza

Paura ieri sera a bordo di un treno diretto a Formia. Un incendio è divampato in una carrozza del convoglio entrato nella stazione. Sul posto una pattuglia della polizia ferroviaria che ha immediatamente cercato di mettere in sicurezza i circa 500 passeggeri del treno, allarmati da fumo intenso che ha invaso i vagoni. Le carrozze sono state quindi evacuate in maniera controllata e una volta messi al sicuro i viaggiatori, gli agenti hanno utilizzato gli estintori per contenere il rogo. 

L'incendio, secondo gli accertamenti, è partito dai freni rimasti in blocco. Le operazioni sono durate circa 20 minuti, durante i quali uno degli operatori della polfer è riuscito a domare le fiamme sistemandosi sotto la carrozza e utilizzando un estintore. Il gesto dell’agente non è rimasto però senza conseguenze. A causa dei fumi inalati è stato costretto a ricorrere alla cure mediche del pronto soccorso dell'ospedale da dove è stato poi dimesso con alcuni giorni di prognosi. Una volta scongiurato il pericolo e ripristinato il corretto  funzionamento dei freni, il treno ha ripreso la marcia verso la stazione ferroviaria di Napoli Centrale.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Latina usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus, la curva continua a salire: altri 236 casi, ancora sette morti in 24 ore

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

Torna su
LatinaToday è in caricamento