Cronaca

Rotelline di plastica trovate sulle spiagge di Formia, Acqualatina: "Non dipende dai nostri depuratori"

La replica della società dopo le segnalazioni arrivate dal sud pontino, che ipotizzavano una fuoriuscita di filtri dai depuratori

Arrivano i chiarimenti della società Acqualatina sui misteriosi ritrovamenti sulle spiagge del sud pontino, tra Formia e Gaeta, di piccole rotelline cilindriche di plastica nera, sui cui è stato presentato un esposto alle Procure della Repubblica di Cassino e di Latina. Il movimento "Un'altra città" ha ipotizzato che si trattasse di supporti utilizzati dalla Veolia Water Technologie per la depurazione delle acque reflue civili e che dunque gli oggetti di plastica abbandonati sulle spiagge fossero fuoriusciti da uno o più depuratori non distanti dalla costa del golfo di Gaeta.

Acqualatina precisa però che "di tutti i depuratori che convogliano le acque depurate nel golfo di Gaeta, solo il depuratore di Itri utilizza una tecnologia (Mbbr) che coinvolge degli oggetti paragonabili a quelli ritrovati di recente sulle spiagge del litorale". La società aggiunge però che "l'impianto di Itri è a circuito chiuso, senza possibilità di fuoriuscite, e ha una serie di barriere che impediscono fisicamente la fuoriuscita di eventuali oggetti". Le cause delle migliaia di rotelline di plastica sparse sulle spiagge dovrebbero dunque essere ricercate altrove.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rotelline di plastica trovate sulle spiagge di Formia, Acqualatina: "Non dipende dai nostri depuratori"

LatinaToday è in caricamento