menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tragedia di via Veio, una folla commossa per l’ultimo saluto ad Eugenio Mucci

Gremita la chiesa di San Marco dove oggi pomeriggio si sono celebrati i funerali del 15enne prematuramente scomparso. Toccanti le parole della sorella; palloncini sono stati fatti volare in cielo al termine della cerimonia

Un’intera città oggi pomeriggio ha voluto salutare Eugenio Mucci, il 15enne deceduto dopo essere precipitato dal tetto della piccola galleria commerciale di via Veio. Un’intera città che, ancora una volta, si è stretta intorno alla sua famiglia in questo momento di massimo dolore. 

Una folla commossa, infatti, oggi pomeriggio ha gremito la chiesa di San Marco per i funerali del 15enne prematuramente scomparso; oltre mille persone che, anche all’esterno della Cattedrale, con grande partecipazione, in silenzio, hanno assistito alla celebrazione: parenti, amici, semplici conoscenti e quanti in questi giorni sono stati vicino alla famiglia Mucci, molto conosciuta in città. 

Presenti anche rappresentanti delle Istituzioni come il sindaco Coletta, e alcuni esponenti del Cosniglio e della Giunta, il Questore De Matteis e il prefetto Faloni. 

Toccanti le parole della maestra di Eugenio e della sorella che ha rivolto la sua vicinanza anche ai due amici che quel tragico 15 dicembre erano con lui e ai quali ha detto di non sentirsi in colpa, lanciando poi un importante messaggio: quello di non dimenticare perché quanto accaduto sia da monito per tutti. 

Al termine della cerimonia tanti palloncini bianchi e celesti sono stati fatti volare in cielo. “Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta” ed “Eugenio vive” recitavano gli striscioni affissi all’esterno della chiesa. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento