rotate-mobile
Cronaca Cisterna di Latina

Furto al distributore automatico dell’ospedale di Ostia, arrestati due pontini

In manette due ragazzi di 29 e 31 anni che si erano spacciati dipendente della società romana che offre il servizio automatico di ristoro e sorpresi a rubare. Recuperata la refurtiva restituita all’ospedale

Due giovani di Cisterna sono stati arrestati nel fine settimana ad Ostia dopo essere stati sorpresi a rubare nel distributore di bevande dell’ospedale Grassi.

Il piano dei due ragazzi di 29 e 31 anni che si sono spacciati per addetti alla manutenzione delle macchinette, è saltato grazie all’intervento di un’addetto alla vigilanza del nosocomio che ha allertato i carabinieri prontamente intervenuti.

I fatti intorno alle 18 di sabato quando l’attenzione del vigilante è stata attratta da uno sconosciuto che dopo aver aperto il distributore automatico, stava prelevando dal suo interno le monete e le bevande. Insospettito, ha quindi deciso di chiamare il 112.

Giunti sul posto i militari hanno accertato che l’uomo, già noto alle forze dell’ordine, spacciandosi per un dipendente della società romana che offre il servizio automatico di ristoro aveva aperto la macchinetta riuscendo ad impossessarsi di oltre 200 euro in monete e di bevande e merendine per un valore di una ventina d’euro.

Subito dopo, nel parcheggio antistante, i carabinieri hanno rintracciato e arrestato il suo complice, risultato essere un ex dipendente della stessa ditta che in malafede aveva conservato una copia delle chiavi di alcune macchinette e una maglietta con lo stemma della ditta medesima.

Monete e prodotti rubati sono stati restituiti all’avente diritto mentre i due ladri sono stati arrestati. Sono ora in corso le indagini per stabilire se i due siano responsabili di altri furti commessi in quest’ultimo periodo ai danni della citata ditta e con le stesse modalità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto al distributore automatico dell’ospedale di Ostia, arrestati due pontini

LatinaToday è in caricamento