Furto di rame dai tralicci dell’alta tensione, due denunce a Cisterna

In manette sono finiti due uomini a cui i carabinieri sono arrivati al termine di indagini lampo; sono stati trovati in possesso di 430 chili di fili di rame e arrestati per ricettazione ed interruzione di un servizio di pubblica necessità

(foto di repertorio)

Sono stati trovati in possesso di rame risultato rubato nella notte tra martedì 22 e mercoledì 23 dicembre a Cisterna i due uomini - un cittadino italiano e uno di origini tunisine - denunciati dai carabinieri.

Per loro, a cui i militari sono arrivati al termine di mirate indagini, le accuse sono di ricettazione ed interruzione di un servizio di pubblica necessità.

Nella giornata di ieri i due uomini sono stati trovati in possesso di 430 chili di fili in rame che erano stati sottratti, durante la decorsa notte, dai tralicci dell’alta tensione situati in alcune vie di Cisterna e successivamente occultati all’interno di un furgone rinvenuto dai militari dell’Arma.

I Carabinieri restituivano il materiale recuperato alla Società Enel. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento