rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Il caso / Gaeta

Illegittima occupazione del demanio marittimo, cinque assoluzioni

Si è chiuso così il processo sulla Capitaneria di porto di Gaeta e sulle presunte gestioni illegittime di aree demaniali

Si è concluso con un'assoluzione da parte del Tribunale di Cassino il processo nato dalla maxi inchiesta della Capitaneria di Porto di Gaeta che puntava a portare alla luce la presunta illegittima gestione di alcune e piccole porzioni di demanio marittimo da parte di società e agenzie marittime della città impegnate storicamente nelle attività economiche ed imprenditoriali gravitanti nel porto commercialo.

Il Tribunale di Cassino ha assolto con formula piena i cinque imputato finiti sotto processo con l’accusa di concorso in abuso d’ufficio Franco Spinosa, ex responsabile della sede di Gaeta dell’ex Autorità portuale del Lazio, che, al culmine delle indagini preliminari condotte dal nucleo di polizia giudiziaria della Capitaneria, venne raggiunto da un’ordinanza cautelare con cui venne temporaneamente sospeso dal servizio.

A fronte della richiesta avanzata dal pubblico ministero Marina marra di un condanna a due anni di reclusione per tutti gli imputati  e dopo la discussione del collegio di difensori composto dagli avvocati Vincenzo Macari, Alfredo Zaza d'Aulisio e Matteo Macari (per il dirigente ed un operatore portuale), unitamente a Luigi D'Anna, difensore di altro operatore portuale,  il collegio è uscito dalla camera di consiglio, dopo circa un'ora e mezza, con sentenza di assoluzione degli imputati di abuso in atti di ufficio ed occupazione abusiva di suolo demaniale marittimo con la formula più ampia.

Secondo l’accusa, il dirigente fu il responsabile del procedimento al termine del quale si ebbe il rilascio, da parte dell’allora presidente dell’Autorità portuale del Lazio, Pasqualino Monti, della concessione demaniale marittima numero. Lo stesso – secondo il capo d’imputazione – avrebbe dovuto informare il suo presidente dell’epoca di una precisa indicazione interna al network portuale del Lazio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Illegittima occupazione del demanio marittimo, cinque assoluzioni

LatinaToday è in caricamento