Spaccio, usura ed estorsione: operazione della polizia nel sud pontino. Quattro gli arresti

Le misure cautelari eseguite all’alba nei confronti di 4 uomini di Fondi, Formia, Gaeta e Cassino. Sgominata la nuova rete di spaccio dopo il vuoto degli ultimi arresti

Spaccio di droga, usura ed estorsione: brillante operazione della polizia nel sud pontino con l’arresto di quattro persone. Alle prime luci dell’alba gli agenti hanno dato esecuzione alle 4 misure cautelari emesse dal Gip del Tribunale di Cassino nei confronti di altrettante persone; agli arresti sono finiti Andrea D’Onofrio, 27enne di Fondi, Edgardo Luigi Di Nitto, 29enne di Formia - entrambi in carcere -, Alessandro Lucreziano, 41 anni di Gaeta e Marcello Di Zenzo, di 30 anni di Cassino - tutti e due ai domiciliari. I quattro finiti agli arresti sono ritenuti responsabili a vario titolo dei reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, usura ed estorsione.

Le indagini, avviate nel 2018, sono state originate dal “vuoto” venutosi a creare nelle piazze di spaccio, anche a seguito degli arresti già effettuati dalla polizia nel sud pontino con l’operazione antidroga “Coast to Coast. “È stata quindi sgominata la nuova rete che si stava organizzando per rifornire le città di Gaeta, Formia, Fondi e Cassino di cocaina” spiegano dalla Questura all’esito dell’operazione di oggi denominata Coast to Coast 2. Le indagini che sono durate oltre un anno sono state condotte dagli investigatori del Commissariato di Gaeta con la collaborazione dei colleghi di Formia e hanno messo in luce un particolare dell’organizzazione che risiede anche nell’estensione delle consuete piazze di spaccio di Gaeta, Formia e Fondi, anche alla città di Cassino.

Alla attività di indagine tipica, quali pedinamenti e lunghi appostamenti, è stata affiancata una significativa attività tecnica con intercettazioni telefoniche e ambientali che “ha consentito una definizione certa del quadro indiziario a carico degli arrestati”.

L’assenza forzata degli attori “storici” dello spaccio ha dunque attirato gli “appetiti imprenditoriali” di personaggi relativamente nuovi per le piazze del Golfo e della Valle dei Santi. Il volume degli affari ammonta a diverse migliaia di euro a settimana per quantitativi rilevanti di stupefacenti, e prevedeva anche che il gruppo degli spacciatori costringesse gli acquirenti a ricevere la droga a domicilio o in un altro luogo sicuro di loro pertinenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Banda dei furti seriali, l'accusa chiede condanne per oltre 57 anni di carcere

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

  • Avvicina una commessa e la palpeggia: lei urla e lo mette in fuga. Arrestato

  • Ordinano condizionatori e pagano solo l'acconto: la merce era in un deposito in provincia di Latina

Torna su
LatinaToday è in caricamento