rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca Gaeta

Retini smaltiti irregolarmente nel golfo di Gaeta, processo a 18 titolari di attività di mitilicoltura

Sono accusati di inquinamento ambientale e abbandono di rifiuti. Legambiente e Comune di Formia si sono costituiti parte civile

Prima udienza davanti al Tribunale di Cassino del processo a carico delle 18 persone finite nel registro degli indagati nel febbraio 2019 per lo smaltimento irregolare di retini provenienti dall’attività di mitilicoltura nelle acque del golfo di Gaeta che anziché essere smaltiti, venivano abbandonati sul fondo marino.

Si tratta di titolari delle concessioni e legali rappresentanti delle imprese concessionarie, ma anche comandanti e marinai delle unità di pesca che operano all'interno delle concessioni di Gaeta e che secondo l’accusa sono ritenuti responsabili di inquinamento ambientale e abbandono e smaltimento irregolare di rifiuti, "in quanto - si legge - con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso commesse in tempi diversi, cagionavano una compromissione significativa e misurabile di un ampio specchio acqueo del golfo”.

Le indagini coordinate dalla Procura di Cassino e svolte dalla Guardia Costiera di Gaeta erano scattate  dopo il rinvenimento di numerosi retini plastici ritrovati all'interno delle reti da pesca utilizzate dai pescherecci.  Nell’udienza odierna Legambiente è stata ammessa come parte civile nel procedimento penale a carico dei 18 imputati. “Per dare un segnale forte in questa occasione - commenta Dino Zonfrillo, presidente del Circolo Sud Pontino di Legambiente - ci siamo costituiti con il  presidente nazionale Stefano Ciafani e abbiamo rafforzato in modo significativo il fronte che sta prestando grande attenzione all’intera vicenda”. E’ stato ammesso come parte civile anche il Comune di Formia che nel 2017 aveva inviato un esposto alla Procura della Repubblica dopo il rinvenimento di decine di  migliaia di  'reste' – così vengono tecnicamente denominati i retini di plastica multicolore utilizzati dai mitilicoltori nelle varie fasi di accrescimento dei bivalve - maggiormente sulla spiaggia di Vindicio ma anche a Minturno e Gaeta.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Retini smaltiti irregolarmente nel golfo di Gaeta, processo a 18 titolari di attività di mitilicoltura

LatinaToday è in caricamento