Giovedì, 18 Luglio 2024
La scoperta / Gaeta

Risale all'età antica lo scheletro umano ritrovato in spiaggia a Gaeta: probabilmente un uomo di 60 anni

Il ritrovamento risale allo scorso novembre. Dopo gli accertamenti della polizia scientifica arrivano i risultati delle analisi del radiocarbonio: la datazione è compresa tra il 154 a.C. e il 78 d.C Lo scheletro intatto sotto la sabbia

Il 23 novembre del 2023 un macabro ritrovamento a Gaeta: ossa umane sulla spiaggia di Sant'Agostino. I resti, in parte ricoperti dalla sabbia erano stati scoperti da un passante, che ha poi lanciato l'allarme. Il successivo intervento degli esperti della polizia scientifica ha consentito di portare alla luce uno scheletro umano, quasi intero e completo di cranio. Ora arrivano i risultati delle analisi di laboratorio e si scopre che i resti umani risalgono all'età antica.

L'attività investigativa condotta dai poliziotti del commissariato di Gaeta e coordinata dalla procura di Cassino ha richiesto infatti analisi antropologiche e odontologiche sulle ossa. Lo scheletro si presentava in una posizione distesa prona e il fatto che le articolazioni fossero preservate ha lasciato intendere che si trattasse di una posizione primaria e che non fosse accidentale. L’analisi isotopica del radiocarbonio (C14) ha certificato poi i resti appartengono a un contesto storico-archeologico antico anche se le condizioni di conservazione sono discrete. In particolare la datazione riconduce i resti umani al periodo compreso tra il 154 a.C. e il 78 d.C.

Il cranio era praticamente integro, completo di mandibola e in ottimo stato conservativo. Non è stato possibile però desumere con certezza, dalla sola morfologia, il sesso dell’individuo. Da una valutazione del cinto pelvico, completo ma danneggiato, sono stati però rilevati elementi morfologici con una lieve prevalenza maschile. I dati sono stati in seguito confermati dall’approfondimento genetico: il relativo profilo genetico, pur incompleto, ha rilevato una netta presenza del cromosoma Y. Lo stato conservativo del reperto permette un'adeguata valutazione delle suture craniche, la cui saldatura completa è riconducibile a un individuo adulto in avanzata età, di circa 60 anni. Infine è stato possibile stabilire che l’individuo, di origine caucasoide, aveva un’altezza compresa tra 168 e 191 cm.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Risale all'età antica lo scheletro umano ritrovato in spiaggia a Gaeta: probabilmente un uomo di 60 anni
LatinaToday è in caricamento