menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lazio Pride a Latina, bandiere arcobaleno e centinaia di persone per la festa al lido

Festa in piazzale Loffredo a Capoportiere al grido di "Liberiamo Latina" dai pregiudizi, dall'omolesbotransfobia e dalla discriminazione. Sul palco oltre agli artisti che hanno animato il pomeriggio anche il sindaco Coletta

Bandiere arcobaleno, musica, divertimento e centinaia di persone: questo piazzale Loffredo sul lungomare a partire dalle 17 di oggi, sabato 25 giugno, per il primo Lazio Pride che si è svolto, in un clima sobrio e discreto, a Latina.

In tanti hanno partecipato alla manifestazione dell'orgoglio per lesbiche, gay e trans organizzata dalle tre associazioni Sei Come Sei, Gay Center e Azione Trans. 

"Liberiamo Latina" dai pregiudizi, dall'omolesbotransfobia e dalla discriminazione, lo slogan della manifestazione, con il capoluogo pontino che ha risposto presente. Centinaia di persone hanno così  affollato il piazzale di Capoportiere che per un giorno è diventato il simbolo della lotta all’omofobia e della difesa dei diritti civili. 

“Vogliamo lanciare da Latina un grido di liberazione per le persone LGBTI perché non siano più invisibili alle istituzioni, nelle scuole, e nel modo del lavoro e nella società. Dal Lazio Pride inviteremo anche tutti i sindaci a celebrare da settembre le unioni civili delle coppie lesbiche e gay per dare un segnale di uguaglianza” hanno detto i portavoce delle tre associazioni organizzatrici Marilu Nogarotto (Sei Come Sei), Fabrizio Marrazzo (Gay Center) e Aurora Marchetti (Azione Trans). 

E anche in questo caso Latina ha risposto presente. Sul palco allestito a Capoportiere, che ha ospitato le esibizioni di artisti, anche il neo primo cittadino Damiano Coletta, che ha raccolto l’invito degli organizzatori a partecipare all’evento. 

“Latina dal 20 giugno è diventata una città libera e soprattutto vogliamo che sia una città dei diritti e non dei favori - ha detto sindaco accolto tra gli applausi -, perché ogni cittadino ha pari dignità sociale senza alcuna distinzione di sesso, di razza o di religione o di convinzione politica”. 

L'INTERVENTO DI COLETTA AL LAZIO PRIDE

Poi di nuovo musica, balli e tanto divertimento nel nome dell’uguaglianza e per la parità dei diritti. Ricordiamo che la manifestazione è stata anche l’occasione per dire no alla violenza sulle donne e al femminicidio e per ricordare tutte le vittime della strage di Orlando. 

Protesta di Forza Nuova durante il Lazio Pride; esposto uno striscione da parte di alcuni militanti che hanno acceso anche alcuni fumogeni all'inizio della manifestazione. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento