Giornalisti minacciati, Stampa Romana si costituisce parte civile nel processo "Don’t Touch"

Tra gli imputati c’è Gianluca Tuma che minacciò il collega Vittorio Buongiorno per i suoi articoli. L'udienza martedì 14 maggio: giornalisti davanti al Tribunale

Ci sarà anche l’Associazione Stampa Romana domani mattina, 14 maggio, in Tribunale a Latina in occasione della prima udienza del processo “Don’t Touch” e ci sarà per due ragioni: la prima è quella di costituirsi parte civile nel procedimento che vede tra gli imputati anche Gianluca Tuma, accusato tra l’altro di avere rivolto pesanti minacce al giornalista del Messaggero Vittorio Buongiorno per gli articoli scritti su una serie di vicende che lo coinvolgevano.

Tuma infatti aveva avvicinato il collega nella chiesa di San Marco, a conclusione della Messa pochi giorni dopo la strage di Charlie Hebdo a Parigi e gli aveva detto “Hai visto cosa succede in Francia a chi usa la penna scorrettamente?”. Stampa Romana chiederà quindi di essere parte civile nel processo.

“E’ un segnale di attenzione –spiega Gaetano Coppola, fiduciario di Stampa Romana per Latina – ad un territorio con grandi pressioni malavitose e di presenza accanto ai colleghi pontini in prima linea nel descrivere e denunciare la geografia del malaffare”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La seconda ragione della presenza del sindacato, che ha dato appuntamento a tutti i giornalisti alle 9 davanti al Tribunale, è quello di fare da “scorta mediatica” a Vittorio Buongiorno e, idealmente, a tutti i giornalisti minacciati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa di nozze con 80 invitati, arrivano i carabinieri: tutti multati

  • Coronavirus, allerta arancione nel Lazio: 795 casi. D'Amato: "Si teme un peggioramento"

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Coronavirus, contagi inarrestabili. Nel Lazio quasi 600 nuovi casi, in provincia 47 in più

  • Piazza del Popolo torna agli anni ’70: a Latina le riprese del film "L’Arminuta"

  • Coronavirus, l'ondata non si ferma: 64 nuovi contagi, 21 sono a Latina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento