Lunedì, 25 Ottobre 2021
Cronaca Centro / Piazza del Popolo

Giornata Internazionale degli Studenti, ragazzi in piazza anche a Latina

Manifestazione e corteo degli studenti pontini anche nel capoluogo nella giornata per ricordare tutti i ragazzi che durante le loro battaglie hanno perso la vita per difendere il loro diritto allo studio

Anche i ragazzi delle scuole della provincia di Latina sono scesi in piazza oggi per il loro 17 novembre, in cui ricorre la Giornata Internazionale degli Studenti

E quella di oggi è stata una manifestazione dal doppio significato, per ricordare tutti i ragazzi che durante le loro battaglie hanno perso la vita per difendere il loro diritto allo studio, ma anche per protestare contro l’attuale Governo Renzi.

Dopo essersi riuniti questa mattina in piazza del Popolo, centinaia di studenti pontini hanno sfilato per le vie del centro, in contemporanea con migliaia di ragazzi che questa mattina sono scesi in piazza in tutta Italia per rivendicare il loro più grande diritto, quello allo studio.

NEL RESTO DEL PAESE - “Dopo la mobilitazione del 14 novembre oggi siamo sotto al Miur per una azione simbolica. Con azioni a Milano, Napoli, Siracusa, Pistoia, Taranto, Bari, Campobasso ed in numerose altre città italiane, oggi lanciamo occupazioni, autogestioni e iniziative in tutte le scuole verso lo sciopero generale per rivendicare nuovamente il nostro diritto ad un futuro non precario” spiegano dal Coordinamento nazionale dell’Unione degli Studenti.

Il 17 Novembre da 10 anni a questa parte è una giornata simbolo delle mobilitazioni studentesche nel mondo ed è per noi una data molto importante per rivendicare nuovamente, così come stiamo facendo dal 10 Ottobre, una istruzione gratuita e di qualità ed una legge nazionale sul diritto allo studio - proseguono -. Con un Paese che ha oramai 720.000 ragazzi in dispersione scolastica è inaccettabile la miopia del Governo.

Dopo centinaia di segnalazioni di famiglie che non hanno possibilità di pagare il contributo volontario, è oramai chiaro quanto la scuola italiana sia escludente e classista. Il primo punto della vera buona scuola per noi è il diritto allo studio, che Renzi ha completamente eluso nella sua proposta”.

Blitz notturno davanti al Ministero del lavoro con lo slogan “#costruiamoilfuturo se non per tutti per chi?" per i ragazzi dell’Unione degli Universitari e Rete degli studenti medi.”In tutta Italia - spiega la nota - ci saranno iniziative e mobilitazioni in difesa dell'istruzione pubblica, aperta ed accessibile a tutti fondata su un diritto umano fondamentale, ovvero il diritto allo studio, un diritto che troppo spesso nel nostro Paese viene calpestato e non ci si investe abbastanza, siamo il fanalino di coda dell'Europa".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata Internazionale degli Studenti, ragazzi in piazza anche a Latina

LatinaToday è in caricamento