Giro di prostituzione a Latina, le due colombiane in silenzio davanti al gip

Ieri l'interrogatorio delle due donne straniere arrestate nei giorni scorsi dai carabinieri

Sono state interrogate ieri le due donne colombiane arrestate nei giorni scorsi dai carabinieri per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Le due, detenute nel carcere di Pozzuoli e di Rebibbia, sono state ascoltate per rogatorio e hanno scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere. Sono quindi rimaste in silenzio di fronte alle accuse.

Nei giorni scorsi i carabinieri della compagnia di Latina avevano eseguito le due ordinanze di custodia cautelare in carcere al termine di un'indagine iniziata nel mese di giugno in seguito a una segnalazione di un giro di prostituzione in due appartamenti di un edificio di via Don Torello, a Latina. Le indagini hanno permesso di scoprire che le due donne subaffittavano le stanze delle abitazioni a prostitute straniere e trans ricevendo un compenso di circa 200 euro per pochi giorni. 

Nel corso dell'operazione uno degli appartamenti è stato sottoposto a sequestro e circa 14 prostitute ed alcuni clienti sono stati identificati e ascoltati dai carabinieri,

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, arriva l'ordinanza della Regione Lazio: misure di prevenzione e profilassi

  • Perdono il posto di lavoro: licenziate dopo 20 anni per "mancato superamento del periodo di prova"

  • Incidente sulla Pontina: perde il controllo dell’auto, muore un uomo di 39 anni

  • Coronavirus, Comune di Sezze: “Due pullman in arrivo da Venezia. Situazione monitorata”

  • Accoltellato alla giugulare: salvato dalla Stradale sulla Pontina e soccorso dall'eliambulanza

  • Coronavirus, Regione: “Scuole chiuse nel Lazio e manifestazioni pubbliche vietate? Fake news”

Torna su
LatinaToday è in caricamento