Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Guardia di Finanza, impegno “a tutto campo” in provincia: in un anno scoperti 53 evasori totali

Il bilancio delle attività del 2020: 22mila i controlli per assicurare il rispetto delle misure anti Covid-19, 202 gli interventi ispettivi e 543 le indagini per contrastare le infiltrazioni della criminalità economica e organizzata

E’ stato stilato in occasione del 247esimo anniversario della Guardia di Finanza il bilancio delle attività che sono state portate a termine nel corso di tutto il 2020. Nel corso dei 12 mesi sono stati eseguiti 22mila controlli per assicurare il rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza coronavirus, 202 interventi ispettivi e 543 indagini per contrastare le infiltrazioni della criminalità economica e organizzata nel tessuto economico e sociale: un impegno “a tutto campo” a tutela di famiglie e imprese in difficoltà e a sostegno delle prospettive di rilancio e di sviluppo del Paese.

Lotta all’evasione e alle frodi fiscali

Nel 2020 sono stati scoperti 53 evasori totali, ossia esercenti attività d’impresa o di lavoro autonomo completamente sconosciuti all'Amministrazione finanziaria (molti dei quali operanti attraverso piattaforme di commercio elettronico) e 229 lavoratori in “nero” o irregolari. Sono state eseguite 77 indagini di polizia giudiziaria che hanno portato alla denuncia di 70 soggetti, di cui 2 arrestati, per aver commesso reati fiscali. II valore dei beni sequestrati per reati in materia di imposte dirette e Iva è di 8 milioni di euro. Ammontano, invece, a  42 gli interventi eseguiti in materia di accise, anche a tutela del mercato dei carburanti. Complessivamente sono state sequestrati 68.410 chilogrammi di prodotti energetici. I controlli e le indagini contro il gioco illegale ed irregolare hanno permesso di irrogare sanzioni per 70mila euro, e di denunciare 3 persone.

Contrasto agli illeciti nel settore della Tutela della spesa pubblica

Sono stati 100 gli interventi complessivamente svolti a tutela dei principali flussi di spesa, dagli appalti agli incentivi alle imprese, dalla spesa sanitaria alle erogazioni a carico del sistema previdenziale, dai fondi europei alla responsabilità per danno erariale, cui si aggiungono 39 deleghe d’indagine concluse in collaborazione con la Magistratura ordinaria e numerose deleghe svolte su incarico della Corte dei Conti. “Si tratta - spiegano dal Comando provinciale della Guardia di Finanza di Latina - di attività che hanno quasi sempre una ricaduta sul versante erariale, nell’ambito del quale sono stati segnalati alla Magistratura contabile danni per oltre 52 milioni di euro, a carico di 63 soggetti, nonché proposte di sequestro per 21 milioni di euro in tema di responsabilita amministrativa”.

Tra i controlli in materia di prestazioni sociali agevolate, è stato realizzato uno specifico dispositivo operativo volto al contrasto dei fenomeni di illecita percezione del reddito di cittadinanza. Gli interventi svolti in quest’ultimo ambito, anche con il contributo dell’INPS, hanno permesso di intercettare oltre 474mila euro indebitamente percepiti e circa 123mila euro di contributi richiesti e non ancora riscossi, nonche di denunciare all’Autorita Giudiziaria, per le ipotesi di reato previste dalla normativa di settore, 29 responsabili.

Contrasto alla criminalità organizzata ed economica finanziaria

Sul fronte della tutela del mercato dei capitali, l’impegno profuso nel 2020 si è concretizzato nel sequestro di beni per un valore di oltre 5 milioni di euro a seguito di 11 interventi in materia di riciclaggio e auto-riciclaggio, 13 sono le persone denunciate, 10 gli arrestati. Nel campo dei reati fallimentari, sono stati operati sequestri di beni per un valore pari a oltre 11mila di euro, su un totale di patrimoni risultati distratti di oltre 20 milioni di euro. Nel comparto operativo dedicato alla sicurezza della circolazione dell’euro sono stati denunciati 145 soggetti, con l’esecuzione di sequestri di valute, titoli, certificati e valori bollati contraffatti per un valore complessivo di oltre 5 mila euro. In applicazione della normativa antimafia, sono stati sottoposti ad accertamenti patrimoniali 114 soggetti, mentre i provvedimenti di sequestro e confisca eseguiti hanno raggiunto, complessivamente, la quota di circa 34 milioni di euro. Sono stati eseguiti 710 accertamenti a seguito di richieste pervenute dai Prefetti riferiti alle verifiche funzionali al rilascio della documentazione antimafia. Servizi sono stati svolti anche nel contrasto alla contraffazione di marchi registrati, usurpazione di indicazioni d’origine e qualità delle merci, false attestazioni concernenti la corrispondenza dei prodotti agli standard di sicurezza previsti e le violazioni alla normativa sul diritto d’autore. Sono stati sequestrati oltre 5 mila prodotti industriali contraffatti, con falsa indicazione del made in Italy e non sicuri nonchè ingenti quantitativi di prodotti alimentari recanti marchi industriali falsificati o indicazioni non veritiere.

“La crisi sanitaria connessa al Covid-19 - viene spiegato ancora - ha visto la Guardia di Finanza fortemente impegnata, inoltre, nelle attivita a tutela dei consumatori, principalmente volte a contrastare le fattispecie fraudolente riferite, da un lato, all’illecita commercializzazione di beni utili a fronteggiare I’emergenza epidemiologica e, dall’altro, a condotte ingannevoli e truffaldine". In tale contesto, sono stati denunciati 28 responsabili per i reati di frode in commercio, vendita di prodotti con segni mendaci, truffa, falso e ricettazione; constatate sanzioni amministrative in 199 casi e sottoposti a sequestro circa 18mila mascherine e dispositivi di protezione; 1 soggetto è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria per il reato di manovre speculative su merci e sono state sequestrate oltre 3 mila mascherine protettive commercializzate al pubblico con ricarichi superiori al 300% rispetto al prezzo di acquisto.

Le operazioni di soccorso e il concorso nei servizi di ordine e sicurezza pubblica

“L’impegno concorsuale del Corpo nella tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica - concludono dal comando provinciale della Guardia di Finanza - è stato confermato anche nell’ambito delle recenti direttive emanate dal Ministero dell’lnterno per la gestione delle manifestazioni pubbliche e di eventi di particolare rilevanza, cui il Corpo partecipa con l’impiego dei militari specializzati Anti Terrorismo Pronto Impiego. A seguito dell’emergenza epidemiologia, la Guardia di Finanza, unitamente alle altre Forze di Polizia, ha assicurato l’attuazione delle misure di contenimento della pandemia eseguendo circa 22mila controlli, che hanno consentito di irrogare numerose sanzioni amministrative nonché interessare l’Autorita Giudiziaria nei casi di violazioni più gravi. In aggiunta, la Componente aerea del Corpo ha fornito supporto al Servizio Sanitario Nazionale  eseguendo numerose missioni volo che hanno consentito il trasporto di vaccini sulle isole pontine”.



 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guardia di Finanza, impegno “a tutto campo” in provincia: in un anno scoperti 53 evasori totali

LatinaToday è in caricamento