Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Evasione fiscale, scoperti 59 “furbetti”: occultati 89 milioni

I numeri della guardia di finanza dopo i primi cinque mesi di attività a 360 gradi illustrati dal comandante Giovanni Reccia in occasione delle celebrazioni per il 240esimo anniversario della fondazione del Corpo

Sono 56 evasori totali scoperti e che hanno occultato redditi al fisco per 89 milioni di euro; 63 invece i responsabili di frodi e reati fiscali.

Sono questi alcuni dei dati che hanno caratterizzato i primi cinque mesi del 2014 di attività della guardia di finanza, illustrati questa mattina nell’ambito delle celebrazioni, presso il palazzo M, sede del comando provinciale, del 240esimo anniversario della fondazione del Corpo.

LA CERIMONIA - Alla cerimonia, che si è svolta in un clima sobrio ma di grande significato, ha preso parte anche il prefetto di Latina, Antonio D’Acunto, insieme ai comandanti dei reparti della provincia e i militari in servizio. Per iniziare il comandante provinciale Giovanni Reccia ha dato lettura del messaggio del presidente della Repubblica e dell’ordine del giorno straordinario del comandante generale della guardia di finanza, Gen. C.A. Saverio Capolupo.

A seguire i ringraziamenti del comandante Reccia ai finanzieri pontini per le attività svolte ed un breve ma caloroso saluto al personale in servizio ed in congedo. Riprendendo le parole del presidente della repubblica, il comandante ha inoltre ricordato “la radicata appartenenza del Corpo ai valori della Nazione ed il rinnovato forte impegno per la salvaguardia degli interessi del Paese in questo delicato momento di crisi finanziaria ed economica che lo sta attraversando”. Di seguito, la premiazione dei militari che, distinguendosi in brillanti operazioni di servizio, hanno dato lustro all’attività del Corpo nel corso dell’ultimo anno.

I NUMERI DEL 2014 – Come sempre massima attenzione alla lotta all’evasione fiscale Nei primi 5 mesi del corrente anno sono stati così scoperti 56 evasori totali che hanno nascosto al fisco redditi per 89 milioni di euro, scovati soprattutto attraverso le indagini finanziarie e bancarie; denunciati, invece, 63 responsabili di frodi e reati fiscali, principalmente per aver  utilizzato o emesso fatture false (6 violazioni), per non aver versato l’IVA (2 casi), per aver omesso di presentare la dichiarazione dei redditi (23 violazioni), per aver presentato la dichiarazione dei redditi fraudolenta/infedele (18 violazioni) o per aver distrutto/occultato la contabilità (17 casi).

Sono 16 i milioni di euro di ricavi non dichiarati e di costi non deducibili, mentre sono state avanzate proposte di sequestro per misure cautelari amministrative e confische per 18 milioni di euro ed eseguiti provvedimenti di sequestro per equivalente per oltre 6 milioni di euro.

Nell’ambito di questi primi  5 mesi sono stati eseguiti anche oltre 3 mila controlli sul corretto rilascio degli scontrini e delle ricevute fiscali. Accertate irregolarità nel 21,53% dei casi che hanno portato anche a disposizioni di chiusura per 14 esercizi commerciali; sette le persone denunciate per reati fallimentari. Nel campo degli stupefacenti, invece, sono stati sequestrati oltre 8 Kg di sostanze, 21 le persone denunciate a piede libero e 10 in stato di arresto.

Attenzione anche al fenomeno del commercio di prodotti contraffatti che ha portato al sequestro di 3mila pezzi mentre 28 sono le persone denunciate.

“Specifica attenzione – concludono poi dalla guardia di finanza - è stata riservata ai reati contro la Pubblica Amministrazione caratterizzati dalle condotte illecite di amministratori, funzionari ed impiegati pubblici infedeli che causano sia lo sviamento delle risorse pubbliche dalle finalità cui sono destinate che la distorsione del regolare andamento dell’azione amministrativa”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evasione fiscale, scoperti 59 “furbetti”: occultati 89 milioni

LatinaToday è in caricamento