Imbarcano acqua e rischiano di affondare, salvati dagli uomini della Guardia Costiera

I fatti a Gaeta in prossimità di Punta dello Stendardo. L'allarme al numero di emergenza, quindi l'invio di una motovedetta. Tratto in salvo un italiano e una coppia di stranieri

Hanno composto il numero nazionale per le emergenze in mare e sono stati tratti in salvo dalla Guardia Costiera di Gaeta. Brutta avvenuta ma per fortuna con esito positivo per un italiano e una coppia di stranieri.

I fatti nel primo pomeriggio di oggi a Gaeta in prossimità di Punta dello Stendardo. La loro barca era in procinto di affondare a causa dell’improvviso imbarco di acqua dalla zona poppiera.

Le tre persone a bordo hanno quindi composto il numero 1530 e sul posto è stata inviata la motovedetta di “Ricerca e Soccorso” della Guardia Costiera di Gaeta che ha iniziato le operazioni di recupero in mare dei tre malcapitati.

L’unità a motore, colma d’acqua è stata spinta dalla corrente verso la parete rocciosa, mentre i tre, un 62enne italiano e una coppia polacca di 31 e 53 anni sono stati tratti in salvo a bordo della motovedetta non senza difficoltà a causa del vento teso e del mare mosso presente in zona.

“Ai diportisti – spiega la Guardia Costiera - si ricorda di controllare l’efficienza della propria imbarcazione prima di intraprendere la navigazione. La sottovalutazione di tale misura di sicurezza può essere causa di situazioni pericolose in mare che mettono a rischio la vita.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus, la curva continua a salire: altri 236 casi, ancora sette morti in 24 ore

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

Torna su
LatinaToday è in caricamento