rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Favoriva l'immigrazione clandestina, agricoltore 50enne in manette

Nuovo arresto nel filone dell'inchiesta che a marzo aveva portato la squadra mobile di Latina ad arrestare 11 persone

Era riuscito a sfuggire dalle manette che lo attendevano durante il blitz dello scorso marzo che aveva scoperchiato un giro di documenti falsi (e fatti pagare a caro prezzo) per far ottenere il permesso di soggiorno a cittadini stranieri, perlopiù indiani. Ieri, però, gli uomini della Questura hanno posto fine alla sua ricerca arrestandolo e ponendolo sotto il regime dei domiciliari.

A finire in manette è B.D., imprenditore agricolo di 50 anni, colpito dalla misura cautelare emessa dal gip del Tribunale di Roma nell’ambito dell’operazione che aveva portato alla cattura dei componenti di una organizzazione criminale dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ed al falso documentale.

Fatale gli è stato il vizio della frode per cui era ricercato. Ieri pomeriggio l'uomo è stato rintracciato dalla squadra mobile mentre si trovava presso lo sportello unico per l’immigrazione di Latina, nel tentativo di regolarizzare l’ennesimo cittadino indiano.

L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Latina, era scaturita dalla denuncia presentata in Questura nel febbraio del 2012 da un’impiegata dello sportello unico per l’immigrazione di Latina, che aveva segnalato la falsità di un nulla osta al lavoro subordinato rilasciato ad un cittadino indiano.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Favoriva l'immigrazione clandestina, agricoltore 50enne in manette

LatinaToday è in caricamento