Recupero di immobili occupati, siglato un patto tra Comune di Latina e Questura

La lettera di intenti è stata firmata dal Questore Giuseppe De Matteis e dal sindaco Damiano Coletta. Occhi puntati sull'ex mercato coperto, sul mercato del martedì e sugli appartamenti del Colosseo

Restituire ai cittadini gli immobili occupati abusivamente e ripristinare condizioni di legalità e trasparenza. Con questi obiettivi è stata siglata questa mattina una lettera di intenti tra il sindaco Damiano Coletta e il questore Giuseppe De Matteis.

“E’ la testimonianza dell’inizio di un percorso operativo che si muove su precise linee di indirizzo – ha esordito il sindaco – Occorre infatti ripristinare condizioni di legalità e al contempo tutelare il patrimonio cittadino come bene comune”.

Un percorso che inizia con la costituzione di un tavolo che si occuperà di monitorare le situazioni considerate più a rischio, soprattutto dal punto di vista sociale. “Non vogliamo occuparci del salotto buono della città – spiega infatti Coletta – ma interverremo anche nelle periferie”.

Ognuno farà la sua parte. Se alla Questura spetta il controllo del territorio, la repressione di qualsiasi forma di abuso e l’assistenza all’operato del Comune e dei Servizi sociali, l’amministrazione comunale opererà anche e soprattutto creando politiche sociali che garantiscano opportunità di reinserimento sociale per i più bisognosi e dunque una sistemazione dignitosa dopo gli sgomberi degli stabili occupati.

“La nostra esigenza come Questura – spiega Giuseppe De Matteis – nasce da una constatazione di situazioni di degrado in cui ogni volta cerchiamo di intervenire. Ma la polizia ha solo un compito ‘chirurgico’, c’è quindi bisogno di politiche sociali adeguate. Abbiamo l’obbligo del ripristino della legalità e operiamo per questo. Il protocollo recentemente siglato con l’Ater per combattere l’occupazione abusiva degli alloggi popolari ci ha consentito da subito di scoprire situazioni in cui non c’era un reale disagio. Alcuni appartamenti erano infatti adibiti a deposito di mobili, altri non erano utilizzati come principale abitazione. In molti casi poi ci sono state restituite volontariamente le chiavi”.

L’attenzione sarà concentrata in particolare su alcune situazioni considerate più a rischio: il mercato annonario in centro, lo stabile abbandonato all’interno dell’area del mercato del martedì e l’edificio del Colosseo, dove alcuni appartamenti risultano appunto occupati abusivamente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Periodicamente, Questura e Comune si occuperanno di aggiornare l’elenco delle aree su cui intervenire, attraverso le segnalazioni in arrivo dalla Volante ma anche le segnalazioni dirette dei comitati di quartiere.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la prima mascherina senza elastici: l’idea di un giovane di Priverno

  • Aperte anche le spiagge libere, ecco le regole: bagno fino alle 19 e distanze di sicurezza

  • Coronavirus: nel Lazio 21 nuovi casi, in provincia 544 contagi totali

  • Stagione balneare al via, si torna al mare anche a Sabaudia: tutte le regole e i divieti

  • Coronavirus: nuovi contagi distribuiti nei comuni di Latina, Maenza, Priverno e Cisterna

  • San Felice Circeo, stagione balneare al via ma solo per prendere il sole: vietato il bagno in mare

Torna su
LatinaToday è in caricamento