Cronaca Cisterna di Latina / Via Giovanni Falcone

Prima pietra in via Falcone, 42 nuovi alloggi popolari a Cisterna

Annunciato nei giorni scorsi è stato inaugurato il cantiere edile nel quartiere San Valentino. Merolla: "Così si darà nuova vita ad una zona che per lungo tempo sembrava dimenticata"

Era un momento atteso da tempo a Cisterna. Nella mattinata di ieri è stato dato il via ai lavori per la costruzione dei 42 nuovi alloggi popolari.

Posta la prima pietra, alla presenza dell’assessore regionale al bilancio Stefano Cetica, dell’assessore alle Politiche regionali per la casa Teodoro Buontempo, del Sindaco di Cisterna Antonello Merolla, del Presidente dell’Ater Gianfranco Sciscione e di tutto il CdA dell’Ater, è stato inaugurato il cantiere edile in via Falcone, nel quartiere di San Valentino.

Si tratta di un edificio di 9 piani, di cui 7 saranno destinati alle residenze, mentre al piano terra e il primo piano saranno realizzati locali commerciali ed uffici destinati alle associazioni del territorio e ai servizi di quartiere.

“Il cantiere, non solo terrà conto delle esigenze di 42 famiglie, ma sarà anche un volano per l’industria edile del luogo – ha detto il presidente dell’Ater Gianfranco Sciscione – in più rientra nella tipologia energetica classe “A”, il che consentirà agli utenti di limitare l’incidenza dei costi di riscaldamento. Gli alloggi, infatti, saranno forniti di impianti fotovoltaici, per il recupero delle acque piovane e degli scarichi sanitari, avranno anche caldaie a condensazione per il recupero dei fumi e del calore prodotto”.

“Un finanziamento importante – ha detto l’assessore al bilancio Stefano Cetica – in questo momento la Regione sta puntando molto sul rilancio dell’edilizia pubblica e privata. Certo lo sforzo economico è importante ma la nostra amministrazione sta operando delle scelte ed ora punta sul sociale, sulla casa e ovviamente sull’occupazione”.

“Non si tratta solo di costruire – gli fa eco l’assessore alle Politiche per la casa Teodoro Buontempo -. L’Ater sta riqualificando il patrimonio immobiliare pubblico con coibentazioni, tetti fotovoltaici e a risparmio energetico, la nostra scommessa è di fare in modo che l’edilizia pubblica diventi un volano ed un riferimento di qualità anche per l’edilizia privata”.

Una parola anche del sindaco di Cisterna Antonello Merolla che nell’occasione ha ringraziato “il presidente Sciscione e tutta la dirigenza Ater per aver sbloccato un finanziamento da tempo stanziato e non operativo, e la governatrice Polverini per aver riconfermato il finanziamento. Con la realizzazione del complesso, si darà nuova vita ad un quartiere che per lungo tempo sembrava dimenticato”.

Don Livio Fabiani, parroco della vicina Chiesa di San Valentino, ha benedetto la prima pietra e l’intero cantiere che dovrebbe portare alla consegna dei nuovi 42 alloggi nei primi giorni del nuovo anno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prima pietra in via Falcone, 42 nuovi alloggi popolari a Cisterna

LatinaToday è in caricamento