Cronaca

Incendi di auto e cassonetti, fermato il piromane: è un uomo di 60 anni

"Nerone" è stato fermato dalla polizia nella notte dopo aver dato fuoco a due auto e ad alcuni cassonetti nella zona dei pub. L'uomo arrestato per episodi analoghi anche nel 2010

È stato fermato nella notte, dopo essere di nuovo entrato in azione, il piromane dei cassonetti. Si tratta di un uomo di 60 anni ritenuto il presunto responsabile dei numerosi incendi contenitori di ride ad alcune auto avvenuti nell’ultimo periodo in diverse zone della città.

L’uomo,detto "Nerone" e con precedenti per incendio doloso che risalgono al 2010, è stato fermato nella notte nei pressi della torre Pontina dalla polizia che da giorni ormai era sulle sue tracce.

Poco prima, il 60enne si era reso responsabile di alcuni incendi. Per la prima volta ieri sera entra in azione intorno alle 23.40 dando fuoco ad una vettura parcheggiata in via Carlo Pisacane. Poi passa a bruciare alcuni cassonetti nei pressi della zona dei pub, muovendosi a piedi tra via Adua, via Lago Ascianghi e via  Negehelli, fino ad arrivare in via Ufente dove viene bloccato dalla volante poco dopo aver dato fuoco ad una Renault, utilizzando la sua solita tecnica che consiste nell'inserire una palla di carta sotto il tubo della benzina a cui poi dà fuoco.

IL RAID IN CENTRO - A FUOCO AUTO E CASSONETTI

Una volta giunto in Questura, Nerone ha poi confessato tutti gli incendi commessi nella notte; ora le indagini vanno avanti per capire se possono essere attribuiti a lui anche tutti gli altri analoghi episodi.

Secondo quanto accertato, lo scorso 23 ottobre, in seguito ad una lite, aveva dato fuoco ad un appartamento al Palazzo di Vetro in viale Nervi.

L’uomo, che in quell'occasione aveva detto di farsi chiamare Nerone e che incendiava cassonetti “per fare pulizia”, nel 2010 era già stato fermato dalla polizia per episodi analoghi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendi di auto e cassonetti, fermato il piromane: è un uomo di 60 anni

LatinaToday è in caricamento