Venerdì, 19 Luglio 2024
Il caso / Latina Lido

Chioschi incendiati al lido di Latina: “La cittadinanza non può rimanere indifferente”

L'Associazione Primavera chiede giustizia e interventi per rimettere in moto le attività, ponendo l’attenzione sul caso della prima struttura gestita dai giovani dell’impresa sociale Seaside Music Young: “Latina ha bisogno di questi esempi positivi”

Mentre proseguono le indagini sugli incendi dolosi che due settimane fa hanno distrutto due chioschi sul lungomare di Latina, nel tratto tra Capoportiere e Rio Martino - a cui se ne aggiunge un terzo fortunatamente non andato a buon fine - Latina continua a far sentire forte la propria solidarietà e vicinanza ai titolari delle attività destinatarie di quelle che sono nei fatti delle intimidazioni,  e continua a chiedere giustizia. 

Oggi a intervenire è l’Associazione Primavera che già nei giorni scorsi ha preso parte alle due mobilitazioni che ci sono state al lido - il flash mob del 17 maggio scorso e la “camminata della legalità" di sabato - e che punta l’attenzione soprattutto sull’incendio che ha distrutto la prima struttura. “Risulta fondamentale porre l’attenzione sul fatto che il primo chiosco viene gestito da giovani dell’impresa sociale ‘Seaside Music Young’, aggiudicatari del bando nel quadro del progetto comunale ‘LatinaDAmare’, a sua volta rientrante nel progetto regionale “Itinerario Giovani’. È necessario fare luce e chiarezza sull’accaduto - si legge in una nota -, nonché trovare al più presto le soluzioni in grado di garantire la possibilità, a questi ragazzi, di rimettere in moto le attività proprio per la stagione estiva oramai imminente. La cittadinanza non può rimanere indifferente di fronte a un atto doloso e grave, in particolar modo se legato alle cronache giudiziarie che già hanno visto il litorale, in passato, come un teatro di affari criminali e conseguenti intimidazioni”. 

“Siamo profondamente convinti - aggiungono dall’associazione - che questa città abbia bisogno di questi esempi positivi e che sia necessario moltiplicarli, affinché aumentino i presidi di legalità, di cultura, di socialità. E affinché al centro vengano poste le intelligenze dei giovani che vogliono rimanere nel territorio e valorizzarlo, partecipando alla sua attività sociale e culturale, ma anche economica e del tuo tessuto produttivo. Anche per questo - conclude la nota -, siamo e saremo sempre presenti al fianco di chi questi modelli li rappresenta, tentando di essere uno strumento utile e continuando a sensibilizzare e impegnarci”. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chioschi incendiati al lido di Latina: “La cittadinanza non può rimanere indifferente”
LatinaToday è in caricamento