Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Allarme incendi, più di mille in tre mesi. Vertice in Prefettura

Riunione in Prefettura per fare il punto della situazione su roghi - 776 solo nel mese di luglio - che stanno devastando la provincia pontina. Colpa della presenza di troppe sterpaglie, sia in alta montagna sia lungo le arterie stradali

Più di mille incendi in tre mesi - 1135 da maggio ad oggi - e 776 solo a luglio: sono questi i numeri allarmanti per quanto riguarda la provincia pontina in questa estate bollente in cui sale forte l’allarme per i roghi che hanno colpito soprattutto le zone di Fondi, Itri, Castelforte, formia e Prossedi.

Si è svolto infatti ieri mattina in Prefettura, alla presenza dei rappresentanti della Protezione Civile della Regione Lazio, dei vertici dei vigili del fuoco, del Corpo Forestale dello Stato e della polixia provinciale indieme ai rappresentanti delle associazioni di volontariato, un incontro presieduto dal prefetto Pierluigi Faloni, per discutere proprio la problematica degli incendi. 
Illustrati i numeri allarmanti di questo scorcio di estate è stato fatto un esame delle principali cause dei roghi da attribuire in particolare modo alla presenza di troppe sterpaglie, sia in alta montagna sia lungo le arterie stradali della provincia.

Dal punto di vista della prevenzione, la Prefettura ha così diramato agli enti interessati una direttiva contenete raccomandazioni per un più efficace contrasto al fenomeno degli incendi boschivi.

In particolare è stata richiamata l’attenzione su una serie di aspetti come la predisposizione di piani comunali ed intercomunali di protezione civile da parte dei sindaci e aggiornamento del catasto delle aree percorse dal fuoco; ricorso ad apposite ordinanze per la pulizia e la manutenzione dei terreni, per il divieto di sano di fuochi d’artificio o l’abbracciamento di residui vegetali in condizioni climatiche pericolose; l’intensificazione dei controlli da parte del Corpo Forestale dello Stato per la prevenzione e la repressione di incendi dolosi.

Inoltre, per quanto riguarda la sicurezza della viabilità sia stradale che ferroviaria, sono è stato chiesto agli enti gestori un intervento per la pronta rimozione della vegetazione erbacea lungo le principali arterie del territorio.

Al termine dell'incontro è stato deciso che la polizia provinciale fornirà un supporto ai vigili del fuoco e al Corpo Forestale dello Stato nelle attività di avvistamento degli incendi e di sorveglianza nei luoghi di maggiore criticità mentre la regione ha assicurato il massimo supporto alle associazioni di volontariato impegnate nello spegnimento degli incendi e una maggiore collaborazione tra i volontari stessi e i vigili del fuoco durante le emergenze.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme incendi, più di mille in tre mesi. Vertice in Prefettura

LatinaToday è in caricamento