Incendio doloso al distributore di benzina: denunciato dipendente 25enne

I fatti risalgono alla fine di novembre; al giovane operaio la polizia è arrivata al termine delle indagini sulla deflagrazione e l'incendio del 27 novembre al distributore di via Tivera a Cisterna. Il ragazzo voleva rubare i soldi dell'incasso

Un giovane di Aprilia di 25 anni è stato denunciato dalla polizia perché ritenuto il presunto responsabile dell’incendio appiccato lo scoro 27 novembre presso il distributore di carburanti Spend Oil di via Tivera a Cisterna. 

A lui gli agenti del commissariato di Cisterna sono arrivati al termine di meticolose indagini avviate in seguito alla deflagrazione e al rogo che quel giorno interessarono l’area di servizio. 

I FATTI - A far scattare l’allarme un forte boato udito dai residenti della zona alla periferia di Cisterna tanto da far pensare inizialmente ad un ordigno. Gli immediati accertamenti eseguiti dai vigili del fuoco, però hanno subito chiarito che si trattava di un incendio, di matrice dolosa, avvenuto all’interno di un piccolo locale del distributore che, a causa di saturazione di materiale accelerante (quasi sicuramente della benzina) aveva generato l’esplosione. 

Sempre i vigili del fuoco, poi, avevano appurato che nel centro della piccola stanza dell’impianto era concentrata una forte quantità di materiale accelerante che certamente era stata portata dall’esterno. 

incendio_ufficio_distributore_cisterna_27_11_16-2

LE INDAGINI - Chiarita l’origine dolosa, gli investigatori della polizia del Commissariato di Cisterna hanno subito avviato le indagini. Su un elemento in particolare è stata subito concentrata l’attenzione, quello che la porta/saracinesca d’ingresso del locale attinto dalle fiamme chiusa a chiave tanto che anche se divelta dalla parete a causa dell’esplosione, mostrava evidenti le mandate laterali della chiusura. “Quindi - spiegano dalla Questura -, posto che l’origine dell’esplosione era avvenuta all’interno del locale mediante una cospicua quantità di liquido infiammabile chi vi aveva posto il liquido era la stessa persona che aveva provveduto a chiudere la porta con la chiave” di cui lo stesso soggetto aveva la disponibilità. 

I successivi accerrtamenti hanno permesso di realizzare “un quadro probatorio chiaro di chi aveva provocato l’incendio ed il motivo del perché lo avesse fatto”. Da qui è scattata la denuncia nei confronti del 25enne; i movente che avrebbe spinto il giovane a provocare l’incendio quello di impadronirsi dell’incasso, quasi 4000 euro, custodito in una cassetto di una scrivania all’interno del locale. A seguito delle fiamme infatti tutto il mobilio è andato completamente distrutto. 

Il giovane, che pare avesse difficoltà economiche, qualche giorno dopo l’incendio è andato a Londra per un viaggio di piacere. 

L’individuazione dell’autore dell’incendio ha permesso di escludere altre ipotesi, anche suggestive,  che erano immediatamente circolate sul grave fatto criminale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni amministrative 2020 a Fondi e Terracina: lo spoglio dei voti in diretta

  • Elezioni a Fondi 2020: risultati sindaco

  • Elezioni a Terracina 2020: risultati sindaco

  • Coronavirus: i contagi non si fermano: 139 nuovi casi nel Lazio e 11 in provincia

  • Latina, operazione "Dirty Glass": i nomi degli arrestati. Tra loro anche due carabinieri

  • Coronavirus, casi ancora in forte aumento: 165 in più nel Lazio e 23 in provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento