Cisterna, l’amministrazione riceve le famiglie colpite dall’incendio di via Falcone

Illustrata la programmazione dei lavori. La struttura al momento dell’incendio era in uno stato di sicurezza, condomini rassicurati sulla staticità del palazzo

Questa mattina, nella Sala della Pace del Comune di Cisterna, una parte degli inquilini del palazzo di via Falcone danneggiato dalle fiamme mercoledì scorso, è stata ricevuta dagli assessori Viviana Agnani e Danilo Martelli. Al centro dell’incontro le operazioni di bonifica e ripristino degli ambienti rovinati dall’incendio e la sistemazione delle famiglie rimaste senza casa.

All’incontro ha partecipato anche l’ingegnere dell’Ater, Riccardo Roco, in rappresentanza dell’ente proprietario dell’immobile, che ha illustrato il piano dei lavori e la programmazione degli stessi, confermando che la struttura al momento dell’incendio era in uno stato di sicurezza certificata e rassicurando i condomini sulla staticità del palazzo.

“Dalla sera dell’incendio – commenta il sindaco Eleonora Della Penna – l’amministrazione comunale ed il personale dei Servizi sociali sono stati presenti per assistere ed aiutare concretamente le famiglie colpite dall’incidente.

Un intervento fattivo che spesso è andato anche oltre quanto di competenza dell’ente comunale e che ha visto un massiccio coinvolgimento delle forze associative e di volontariato del territorio per un pronto intervento di assistenza.

Superata ora la fase di emergenza, bisogna rimboccarsi le maniche ed agevolare gli interventi di ripristino degli ambienti che l’Ater sta mettendo in atto. Pur essendo un rapporto diretto tra locatario e locatore, e quindi tra inquilini e Ater, ho mantenuto un costante canale di comunicazione tra i due soggetti per limitare quanto più possibile gli inevitabili disagi. I Servizi sociali seguono la vicenda, intervenendo caso per caso secondo le specifiche esigenze.

Nelle ore subito successive all’incendio abbiamo chiesto alle forze dell’ordine di presidiare l’immobile così da evitare casi di sciacallaggio. Ora, purtroppo, dobbiamo difenderci da altri sciacalli, quelli che stanno strumentalizzando politicamente una questione molto delicata, esasperando gli animi a loro uso e consumo.

Pertanto – conclude il sindaco - prego  gli inquilini di Via Falcone di guardarsi bene da chi non ha alcun interesse a che la situazione si risolva presto ma, anzi, spera che tutto degeneri per andare sui giornali e sferrare un altro livoroso attacco all’amministrazione comunale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Morto dopo un inseguimento, la guardia giurata condannata a nove anni per omicidio

  • Coronavirus Latina, altri 231 contagi. Ma non c'è alcun decesso nelle ultime 24 ore

Torna su
LatinaToday è in caricamento