Incendio a Pomezia, Comune Aprilia: “Prodotti per le mense scolastiche da aree non a rischio”

Dopo Cisterna anche l'Amministrazione di Aprilia tranquillizza: "La ditta esecutrice del servizio ha reso noto che i prodotti ortofrutticoli e caseari utilizzati non provengono da coltivazioni o allevamenti situati nelle zone interdette dei Comuni di Pomezia ed Ardea"

I prodotti per le mense scolastiche provengono da aree non a rischio. 

Dopo Cisterna, anche l’Amministrazione di Aprilia tranquillizza le famiglie dei bambini che usufruiscono della mensa scolastica circa la provenienza dei prodotti, cercando di spegnere ogni allarmismo dopo il devastante incendio di venerdì scorso 5 aprile nel sito della Eco X di Pomezia

“La ditta esecutrice del servizio - si legge nella nota informativa dell’Amministrazione - ha reso noto agli uffici del Comune di Aprilia che i prodotti ortofrutticoli e caseari utilizzati per i pasti somministrati agli utenti non provengono da coltivazioni o allevamenti situati nelle zone interdette dei Comuni di Pomezia ed Ardea".

Inoltre, prosegue l’Amministrazione, “relativamente alla comunicazione del Dipartimento Scuola del Comune di Roma Capitale inviata ad una serie di aziende impegnate nel servizio di ristorazione scolastica lo scorso 8 maggio, a seguito dell’ordinanza restrittiva del precedente 7 maggio del Comune di Pomezia, si precisa che il ‘divieto immediato di approvvigionamento delle derrate alimentari’ è stato ridotto dalla stessa Amministrazione di Pomezia da 50 km a 5 km dal luogo dell’incendio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

Torna su
LatinaToday è in caricamento