Bruciano rifiuti vicino l’ex Pozzi Ginori a Borgo Piave, la polizia arresta due uomini

La polizia allertata dai vigili del fuoco che avevano notato due persone intente a dar fuoco ad enormi masse di rifiuti; in manette un 57enne e un 39enne arrestati per combustione illecita di rifiuti e per emissione di gas, vapori o fumi pericolosi per la salute pubblica

Due uomini sono stati arrestati dalla polizia dopo essere stati sorpresi a bruciare rifiuti nei pressi dell’ex Pozzi Ginori a BorgoPiave. 

L’intervento degli agenti all’interno del comprensorio limitrofo al sito dismesso, intorno alle 16.45 di ieri pomeriggio, dopo essere stati allertati dai vigili del fuoco sul posto per domare il rogo e che avevano notato due persone intente a dar fuoco ad enormi masse di rifiuti. 

Appena arrivata la polizia ha fermato i due uomini, un 57enne e un 39enne entrambi di origini romene, che avevano appiccato il fuoco alla spazzatura, peraltro composta anche da rifiuti pericolosi che, in parte, erano contenuti anche all’interno di un edificio in stato di abbandono, mentre i vigili del fuoco erano impegnati a domare le fiamme.

I due uomini fermati sono stati poi portati in Questura, e dopo le formalità di rito sono stati arrestati per combustione illecita di rifiuti e per emissione di gas, vapori o fumi pericolosi per la salute pubblica; trasferiti in carcere saranno giudicati con il rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus, la curva continua a salire: altri 236 casi, ancora sette morti in 24 ore

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

Torna su
LatinaToday è in caricamento