rotate-mobile
Cronaca Sezze

Incidente sul lavoro a Ravenna, muore operaio di Sezze: tre condanne

L'udienza preliminare si è chiua con due patteggiamenti, una condanna con rito abbreviato e un rinvio a giudizio; Daniele Morichini era rimasto schiacciato da una cassa di 20 quintali al porto di Ravenna

Si è chiusa la prima udienza preliminare nell’ambito del processo per la morte di Daniele Morichini, l’operaio di Sezze deceduto all’età di 44 anni in un incidente sul lavoro al porto di Ravenna quando rimase schiacciato sotto una cassa di metallo durante alcune operazioni di scarico.

Hanno patteggiato, ad otto mesi, il fratello della vittima e titolate della Ediltecnolatina Srl per la quale lavorava Morichini, e a 14 mesi il carrellista della cooperativa di facchinaggio Cofari, un 56enne di Ravenna, che quel giorno scaricava anche lui da un Tir le pesanti casse metalliche.

Condanna con il rito abbreviato a 8 mesi, invece, per un 43enne di Milano delegato di area della Bunge Italia Spa, nel cui piazzale accadde l’incidente; rinviato a giudizio, invece un caposquadra della Cofari, un uomo di 53 anni anche di lui di Ravenna.

Le parti lese sono già state risarcite. L’incidente avvenne  il 6 marzo del 2012.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente sul lavoro a Ravenna, muore operaio di Sezze: tre condanne

LatinaToday è in caricamento