Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Incidenti stradali Formia

Troppe morti sulle strade, l’appello del sindaco di Formia Bartolomeo

Lettera del primo cittadino di Formia al collega di Gaeta Mitrano per chiedere di unire le forze per porre un freno alle troppe vittime delle strade: "Servono interventi decisi. Ciò che ti chiedo è di provarci insieme"

Interventi subito per porre un freno alle troppe vittime della strada. A parlare è il sindaco di Formia, Sandro Bartolomeo, che ha scritto una lettera al collega di Gaeta Cosmo Mitrano per chiedere di unire le forze per frenare questo “stillicidio”.

L’appello del primo cittadino formiamo arriva a pochi giorni dal drammatico incidente del 31 agosto scorso sulla Flacca a Gaeta, nella zona di Sant’Agostino, costato la vita al giovane di 29 anni di Formia Angelo Capolino.

Il ragazzo era con alcuni amici; appena uscito dal ristorante è stato travolto da una moto in corsa mentre attraversava la strada. Un’episodio che ha acceso di nuovo i riflettori sul problema della sicurezza sulle strade pontine, e in particolare sulla Flacca.

LETTERA DEL SINDACO DI FORMIA A QUELLO DI GAETA
"Gentilissimo,
a nome dei cittadini di Formia, ti ringrazio per il telegramma di cordoglio recapitatomi all’indomani della tragedia stradale in cui ha perso la vita il nostro Angelo Capolino. Ai genitori del ragazzo porterò il tuo attestato di sensibilità ed empatia, sperando possa aiutarli ad alleviare le sofferenze del momento.
Eventi tragici come la morte incolpevole di un giovane di soli 29 anni aprono ferite che difficilmente si rimarginano. Il dolore della perdita ci riporta alla fragilità delle cose, agli scopi della vita, all’apparente insensatezza di ciò che troppo frettolosamente chiamiamo destino.
Siamo essere umani. Esprimere vicinanza ad una madre ed un padre che piangono la scomparsa di un figlio è un fatto istintivo, naturale. Poteva succedere ad ognuno di noi. Uscire, attraversare una strada e vedere i sogni di una vita cancellati in un attimo dall’assurdità di un gesto.
Tutto questo mi sconvolge e mi riporta alla responsabilità delle scelte. Perché è questo che ci differenzia dagli altri: le parole esprimono sentimenti ma non salvano la vita ai nostri figli se non si traducono in azione. Caro Cosimino, dobbiamo interrompere questo stillicidio, fare in modo che la vita di Angelo non si perda tra le nebbie dell’illogico, che non si tramuti in un altro tassello di questo infinito mosaico di morte, di questa statistica che ogni volta aggiorniamo senza riuscire a fermare il conteggio.
Ti chiedo di unire le energie e di valutare insieme il da farsi con il Prefetto di Latina. Per rivedere la mappa delle infrastrutture e promuovere capillari iniziative di educazione stradale che aiutino questo territorio a non farsi più del male. E’ da lì che parte tutto, dalla formazione di cittadini consapevoli e responsabili. Il “destino” di tanti nostri ragazzi è spesso il risultato di scelte sbagliate. Ma l’incoscienza di taluni non può e non deve esimerci dal dovere di trovare soluzioni. Ciò che ti chiedo è di provarci insieme. Sono certo che non farai mancare il tuo contributo.
Resto in attesa di un tuo cortese riscontro. Nel frattempo, ti porgo i miei più cordiali saluti,

il Sindaco di Formia
Sandro Bartolomeo

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppe morti sulle strade, l’appello del sindaco di Formia Bartolomeo

LatinaToday è in caricamento